Martedì, 22 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Voragine in via Zenodossio: "Da un anno chiediamo al V municipio lo stop ai mezzi pesanti"

I residenti del comitato TorPigneto-Almagià da un anno chiedono verifiche sulla stabilità del sottosuolo e chiedono uno stop all'attività di carico e scarico merci nella zona

Una tragedia sfiorata, ma anche annunciata. La voragine che si è aperta questa mattina in via Zenodossio, a Tor Pignattara, per molti residenti della zona non è stata un fulmine a ciel sereno. “Da un anno chiediamo al V municipio di interessarsi della fragilità di questo territorio”, racconta a Romatoday Ilaria Corbo, del comitato TorPigneto Almagià.

“Questa zona, in particolare, negli ultimi anni è stata trasformata in un hub di carico e scarico merci, fuori da qualsiasi pianificazione e senza nessun piano del traffico. Per questo abbiamo chiesto di vietare il passaggio a mezzi superiori a 3 e 5 tonnellate”, continua Corbo. Che denuncia: “Questa istanza, però, non è mai stata accettata, nonostante negli ultimi anni nel quartiere si siano verificate molte voragini. Abbiamo ottenuto solo una riduzione dell’orario di carico e di scarico delle merci, limiti che comunque non sono mai stati rispettati”.
Otto magazzini in poche centinaia di metri, nell’ultimo tratto di via Maggi, proprio a ridosso dell’incrocio di via Zenodossio e a poche decine di metri dalla voragine.

Il 24 il 31marzo si sono tenute anche due commissioni municipali proprio sul tema delle voragini e del tavolo tecnico aperto in municipio per affrontare la fragilità del territorio del V municipio. A riguardo si è creata anche una sinergia tra comitati che hanno denunciato scarso coordinamento tra enti coinvolti e chiesto una cabina di regia in grado di affrontare la situazione. Quello di via Zenodossio era uno dei quadranti che più suscitava la preoccupazione dei cittadini. “I cittadini non si devono preoccupare la sicurezza del territorio è nostro interesse”, la replica del presidente del V municipio, Giovanni Boccuzzi.

“Sappiamo che i primi giorni di giugno la protezione civile dovrebbe avviare delle indagini georadar sul sottosuolo del quadrante, per verificarne la stabilità, ma ormai non basta: chiediamo l’interdizione immediata della zona ai mezzi pesanti, l’allargamento dei marciapiedi e delle zone 30 per poter vivere il nostro quartiere in modo normale. Siamo stati accusati di allarmismo, purtroppo quello che è accaduto oggi conferma che avevamo ragione”.

Si parla di

Video popolari

Voragine in via Zenodossio: "Da un anno chiediamo al V municipio lo stop ai mezzi pesanti"

RomaToday è in caricamento