rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca

Picchiano le mogli davanti ai figli piccoli: due denunce

Prima una donna di 43 anni che ha denunciato l'ex compagno tassista. In seguito una giovane egiziana che si è rivolta a un centro antiviolenza

Continuano i casi di violenza sulle donne. Nelle ultime ore, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno arrestato una persona, altre due sono state denunciate a piede libero, con l’accusa di lesioni personali e maltrattamenti in famiglia.

Nel primo caso, una 43enne romana, dopo mesi di violenza, si è decisa a denunciare l’ex compagno ai carabinieri. La donna si è presentata nella caserma dei Carabinieri della Stazione Roma Cecchignola per denunciare una lunga storia di percosse subìte dall’ex compagno, un tassista romano di 42 anni.

La loro storia era terminata lo scorso mese di luglio proprio a causa dei comportamenti violenti assunti dall’uomo a partire dall’autunno dello scorso anno. Qualche giorno fa, dopo una discussione fatta in presenza della loro figlia di 4 anni, il tassista ha colpito con una testata al volto la donna, provocandole lesioni giudicate guaribili in 20 giorni.

I Carabinieri si sono messi subito in moto per rintracciare l’uomo con la collaborazione dei militari della Stazione Roma Quadraro. Dopo averlo raggiunto, i carabinieri hanno proceduto cautelativamente al sequestro amministrativo di due pistole e di 70 proiettili che l’uomo deteneva regolarmente nella sua abitazione. Denunciato a piede libero, con l’accusa di lesioni personali e maltrattamenti in famiglia.

Poco dopo, a finire nei guai è stato un cittadino egiziano di 37 anni: in questo caso a intervenire sono stati i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma  e della Stazione Roma Porta Portese, che hanno denunciato l’uomo per aver picchiato la moglie, una ragazza connazionale di 30 anni.

Anche in questo caso la lite e l’aggressione sono avvenute di fronte alla figlioletta della coppia di 7 anni. Dopo le cure prestate dai sanitari dell’ospedale “San Camillo”, la vittima si è immediatamente rivolta a un centro antiviolenza dell’ospedale, che provvederà a trasferire la donna e sua figlia in una struttura protetta messa a disposizione dal Comune di Roma.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchiano le mogli davanti ai figli piccoli: due denunce

RomaToday è in caricamento