rotate-mobile
Cronaca

Villa Gordiani, scoperto un dormitorio abusivo a 200 euro al mese

I locali erano stati trasformati in un unico grande alloggio di fortuna in cui vivevano 22 persone. Gli accertamenti sono tuttora in corso per ulteriori illeciti in materia edilizia

Avevano di fatto trasformato l'associazione culturale che gestivano a Villa Gordiani, in un dormitorio dove ospitavano 22 persone in 900 metri quadri interrati, senza finestre, con bagni di fortuna e brandine come letti. 

Chi viveva lì, dormiva in locali che non rispettavano nessuna norma a livello di sicurezza e in materia igienico-sanitaria, come la mancanza di uscite di sicurezza e diversi fili elettrici scoperti, spesso a ridosso di oggetti altamente infiammabili, con i possibili rischi di incendio. Il prezzo per usufruire di quel servizio era variabile tra i 50 e i 200 euro.

A scoprire quanto avveniva lì, gli agenti del V Gruppo Casilino della Polizia Locale di Roma Capitale che, al termine dell'indagine, hanno denunciato due persone, un uomo e una donna di 66 anni, responsabili dell'associazione culturale. Dopo i sopralluoghi e le investigazioni, portati avanti con la collaborazione del V Municipio e del Dipartimento Patrimonio e Politiche Abitative, gli agenti hanno eseguito il sequestro dei locali.

Nel dormitorio abusivo sono state trovate 22 persone di varie nazionalità, di cui 5 sprovviste di regolare documento e permesso di soggiorno: per questo motivo la coppia di 66 anni è stata denunciata all'Autorità Giudiziaria per il reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, oltre che per la mancata osservanza delle misure in materia di sicurezza e le condizioni igienico sanitarie.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Gordiani, scoperto un dormitorio abusivo a 200 euro al mese

RomaToday è in caricamento