rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca Centro Storico

Villa Borghese, da parco cittadino a bagno pubblico

Sul profilo Facebook di Amici di Villa Borghese è comparsa l'immagine di un uomo che defeca in pubblico. A questo si aggiunge un degrado generale

Un polmone verde nel centro di Roma. Monumenti, musei, aree di ristoro e persino laghetti. E' Villa Borghese, frequentata ogni giorno da tantissimi turisti e romani. Peccato però che gli splendidi scenari del parco si trasformino spesso in quadri di degrado. Quando addirittura non diventano bagno pubblico per il primo che capita.

Ecco infatti che, tra le immagini del profilo Facebook di Amici di Villa Borghese, compare un signore che nella più completa noncalanche si abbassa i pantaloni e defeca en plein air. I suoi escrementi ovviamente restano lì. E se questi possono passare come 'fertilizzante naturale', certo non sono un toccasana per il terreno, tutte le carte ben visibili dietro di lui.

Oltretutto non si tratta di un episodio isolato. Come si legge nella didascalia delle foto, questo cittadino è solito trasformare il parco nel suo bagno personale. E non è nemmeno l'unico. "Un altro sempre vestito da banchiere arriva col giornale e lo legge nel mentre. Poi c'è un'attrice, e se ne vanta sulla stampa", si legge ancora sul profilo Facebook.

Villa Borghese, da parco a bagno pubblico

Triste sorte per il bel polmone verde. E ad aggravarla ci pensa il degrado generale. A cominciare da ombrelli piantati nelle siepi, dalla presenza di venditori ambulanti e dalle macchine parcheggiate sulle strade. Per continuare poi con le fontanelle. Private della loro funzionalità non vedono stillare una goccia d'acqua. In compenso però si sono guadagnate un sacco di scritte che abbruttiscono e rovinano il loro aspetto.

A tutto questo si è aggiunto il 'problema' del concorso ippico di piazza di Siena. Un problema che si ripresenta ogni anno, mettendo a dura prova il verde della zona. Come si vede ancora nelle foto, l'erba è stata coperta completamente dal pavimento. Gli alberi sono stati soffocati dalle pedane, senza nessuna pietà nemmeno per quelli piantati da poco. In più "le siepi storiche di bosso di Piazza di Siena (appena restaurate al suon di centinaia di migliaia di euro di noi contribuenti) trafitte dalle travi in acciaio per le pedane dei vip", si legge ancora sul profilo.

Certo il concorso è forse una questione temporanea, ma il resto del degrado resta lì anche nei giorni seguenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Borghese, da parco cittadino a bagno pubblico

RomaToday è in caricamento