Cronaca Centro Storico / Largo della Fontanella di Borghese

In 20 prendono in giro e minacciano i militari: vigili arrestano tifoso ubriaco

Si tratta di un supporter irlandese in Italia per la partita di rugby del Sei Nazioni. Le accuse sono di violenza resistenza a pubblico ufficiale

I fumi dell'alcol, l'euforia pre partita, il clima di vacanza. E' questo il mix che nella serata di ieri ha portato un gruppo di 20 irlandesi a prendere in giro e minacciare due militari in largo Fontanella Borghese, davanti all'ambasciata di Spagna. I supporter irlandesi, in Italia per seguire il match del Sei Nazioni di rugby, sono passati cantando e urlando cori davanti ad una camionetta militare.

Uno dei tifosi, particolarmente ubriaco, ha iniziato a prendere in giro uno dei due militari fino a sfidarlo. La situazione è progressivamente degenerata quando il militare minacciato ha iniziato a spintonarsi con il tifoso, che tra l'altro tentava di afferrare il fucile mitragliatore in dotazione al soldato. Per fortuna in quel momento è passata una pattuglia della Polizia Locale che, vista la scena, ha fermato il veicolo ed è immediatamente intervenuta, bloccando il tifoso. L'azione ha permesso di disperdere il gruppo che nel frattempo iniziava a circondare la camionetta.

Nonostante la furiosa reazione dell'uomo, molto robusto e in quel momento completamente fuori dalla ragione, i due agenti, appartenenti al GPIT (Gruppo Pronto Intervento Traffico) diretto dal dottor Antonio di Maggio, lo hanno arrestato e condotto presso gli uffici di Circonvallazione Ostiense. Lì l'uomo è stato identificato e poi condotto presso l'ospedale San Giovanni per verificare il suo stato di salute.

Tornato in centrale più tardi, l'arrestato ha trascorso la notte piantonato dagli agenti in cella, in attesa di apparire stamane davanti al Giudice con rito direttissimo, con accuse di violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In 20 prendono in giro e minacciano i militari: vigili arrestano tifoso ubriaco

RomaToday è in caricamento