Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Giovane writer sorpreso ad imbrattare diventa pulitore di treni

 

Da imbrattatore a pulitore. E' la storia di un giovane romano sopreso ad imbrattare le pareti della metropolitana. Per risarcire l'azienda lo stesso si è recato in uno dei depositi Atac per lavorare fianco a fianco con gli operai addetti alle pulizie dei treni. L'attività, resa nota da Atac, durerà sei settimane. Lo scorso febbraio Matteo (nome di fantasia) era stato sorpreso da un addetto alla sicurezza Atac ad imbrattare una parete di una stazione della metropolitana. 

Il giovane è stato fermato e denunciato. La magistratura ha aperto un procedimento a suo carico, nel corso del quale i legali di Atac hanno proposto alla famiglia del minore di impegnare il ragazzo nella ripulitura dei treni. Un modo per risarcire il danno con un servizio utile alla collettività e per insegnare al giovane a rispettare il patrimonio pubblico.
 
Durante il suo primo giorno di lavoro Matteo è stato accompagnato da mamma e papà. Anche loro hanno auspicato che questa esperienza possa avere valore educativo non soltanto per Matteo, ma anche per i troppi vandali che ogni giorno danneggiano i beni comuni con la loro attività. Come conclude l'azienda dei trasporti romana, Atac spende per la rimozione dei tag circa 10mila euro a treno. Costi che pesano sul bilancio di tutta la comunità.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento