Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Operazione Apogeo, colpo al clan Spada: le immagini del blitz della Finanza

Il provvedimento, emesso dalla Sezione Specializzata Misure di Prevenzione del Tribunale capitolino, costituisce l’epilogo dell’attività investigativa coordinata dalla Dda della Procura di Roma

 

Altro colpo al clan Spada di Ostia. I finanzieri del comando provinciale di Roma stanno eseguendo la confisca dei beni, per un valore complessivo di oltre 18 milioni di euro, al clan mafioso. Il provvedimento, emesso dalla Sezione Specializzata Misure di Prevenzione del Tribunale capitolino, costituisce l’epilogo dell’attività investigativa coordinata dalla Dda della Procura di Roma.

"Con l'operazione Apogeo abbiamo confiscato 6 sale slot, 5 a Ostia e una a Roma, controllate da esponenti del clan Spada". Lo spiega a Agimeg il Tenente Colonnello Marco Sorrentino della Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma.

"Le sale - come gli altri beni - sono state sequestrate con l'operazione dell'ottobre 2018, e oggi sono state confiscate per rescindere definitivamente i rapporti con i vertici del clan Spada e per restituirle allo Stato. Sono in amministrazione giudiziaria dal 2018, vengono quindi gestiti da degli amministratori nominati dal Tribunale di Roma che ne hanno garantito la continuità aziendale nella piena legalità. Sarà quindi il Tribunale a decidere cosa fare in futuro di questo patrimonio, di solito - nel caso delle aziende - dei privati presentano delle richieste di acquisizione. Ovviamente il Tribunale verifica che questi soggetti siano pienamente affidabili". Sorrentino infine spiega che "All'epoca del sequestro, non abbiamo riscontrato casi di manomissione delle macchine".

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento