Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Enclave della Ndrangheta a Roma: il colonnello dei carabinieri racconta l'operazione

l provvedimento cautelare si basa sulle risultanze acquisite dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Via in Selci nell’ambito dell’indagine convenzionalmente denominata Enclave

 

Dalle prime luci dell’alba, nelle province di Roma, Reggio Calabria, Venezia e Grosseto, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, coadiuvati dai Comandi Arma territorialmente competenti, stanno dando esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dall’Ufficio G.I.P. presso il Tribunale di Roma su richiesta della Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 33 persone indagate, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, cessione e detenzione ai fini di spaccio,  estorsione aggravata dal metodo mafioso, intestazione fittizia di beni, detenzione e porto abusivo di armi. A raccontare l'operazione è il Colonnello Michele Roberti, Comandante Reparto Operativo Carabinieri Roma.

"L'operazione relativa al sodalizio contiguo a una cosca della 'ndrangheta calabrese, sottolinea quanto sia importante la piazza di spaccio romana e quanto interesse attragga da parte di questa organizzazione criminale, non solo per i canali di approvvigionamento della droga, ma anche per il successivo reimpiego dei capitali nel circuito economico legale", ha spiegato il Colonnello Michele Roberti, Comandante Reparto Operativo Carabinieri Roma, commentando l'operazione 'Enclave'.

"Infatti - ha spiegato il Colonnello Roberti - sono stati attenzionati nel corso delle indagini anche alcuni esercizi commerciali che erano basi logistiche, ma che allo stesso tempo rappresentavano anche un circuito per il riciclaggio del denaro: come un bar tabacchi dove il capo dell'organizzazione, Vitalone, organizzava gli incontri e prendeva le decisioni piu' importanti. O come un'officina o un solarium che rappresentavano basi logistiche dove veniva stoccato lo stupefacente per poi prendere la strada dello spaccio di piazza", ha concluso. 

Leggi l'articolo completo

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento