Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sosta vietata: in due mesi 120.000 multe dai vigili urbani

Attraverso lo strumento tecnologico dello Street Control, sono stati scovati quasi 3mila illeciti legati all’uso di mezzi sprovvisti di RCA o di revisione obbligatoria

 

Duecentomila controlli in più rispetto al 2018, più 100mila rapportati all'anno scorso. Dall'inizio dell'anno la Polizia Locale di Roma Capitale ha portato avanti un vasto piano di verifiche, a contrasto delle principali condotte che mettono a repentaglio la sicurezza e l'incolumità delle persone che percorrono ogni giorno le vie della Capitale: già oltre 700mila i controlli effettuati dalle pattuglie. Un'opera di vigilanza che, oltre a non subire arresti, ha registrato un incremento. 

Basti pensare che nel 2019 gli accertamenti avevano raggiunto quota 600mila e nel 2018 circa 500mila. Nello svolgimento delle attività connesse alla sicurezza stradale, da sottolineare l'importanza del supporto fornito dalle apparecchiature tecnologiche, come lo street control, che permettono una rilevazione in tempo reale degli illeciti. 

Nel mirino delle verifiche, in particolare, alcuni comportamenti che, oltre a violare le norme, rappresentano un pericolo per tutti gli utenti della strada, come l'utilizzo di un veicolo in condizioni di dubbia efficienza: nei primi due mesi di quest'anno ad esempio,  attraverso lo strumento tecnologico dello Street Control, sono stati scovati quasi 3mila illeciti legati all’uso  di mezzi sprovvisti di RCA o di revisione obbligatoria. L'uso dell'occhio elettronico permette di verificare in tempo reale le targhe dei veicoli in movimento: quelli irregolari vengono individuati all'istante e fermati, consentendo così agli agenti di procedere alle sanzioni previste, oltreché al sequestro del veicolo.

Lo stesso sistema è utilizzato inoltre per il controllo e la repressione delle soste che creano intralcio alla circolazione stradale: delle oltre 120mila infrazioni contestate, nei primi due mesi del 2020, per soste che ostacolavano la circolazione di veicoli e pedoni, tra le quali, parcheggi in doppia fila, o al centro carreggiata, o ad intersezione o  sugli attraversamenti pedonali, circa 60mila sono state rilevate con il sistema street control.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento