Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Accoltella direttore delle Poste durante una rapina: arrestata ex guardia giurata

Ad incastarlo i sistemi di videosorveglianza e il traffico telefonico

 

Ha rapinato un ufficio postale ed accoltellato il direttore che aveva inizialmente opposto resistenza. I fatti nel mese di luglio e il responsabile credeva di averla fatta franca. Sulle sue tracce però i carabinieri si sono posti sin da subito, arrivando oggi ad arrestarlo e a contestargli le accuse di rapina e lesioni. 

Nello specifico, il 51enne, con un passato da guardia giurata, con il volto travisato da un berretto ed armato di coltello e pistola, fece irruzione nell’ufficio postale e, dopo aver minacciato il direttore puntandogli il coltello alla gola, gli ordinò di consegnargli il denaro contenuto nelle casse e nel “caveau”. Al rifiuto della vittima, il rapinatore lo colpì più volte con il coltello, ferendolo alle braccia e al volto e riuscendo ad impossessarsi della somma di 31.000 euro circa, per poi darsi alla fuga a bordo di una Ford Focus di colore grigio, senza la targa posteriore.

Da qui sono scattate le indagini, condotte dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bracciano e coordinata dal Sostituto Procuratore presso la Procura di Civitavecchia - Dott. Mirko Piloni. L'attività investigativa ha permesso di ricostruire i movimenti del rapinatore sia prima che dopo la rapina. 

Di fondamentale importanza sono stati l’attenta analisi del traffico telefonico e la visione dei sistemi di videosorveglianza insistenti sul Comune di Bracciano e su tutta l’area provinciale di Roma-Ovest. In particolare, è emerso che il rapinatore, poco prima di effettuare il colpo, sostò alcuni minuti in un bar poco distante dall’ufficio postale per osservare l’obiettivo in modo indisturbato e senza sollevare sospetti.

Pertanto, l’Autorità Giudiziaria ha disposto nei suoi confronti la misura della custodia cautelare in carcere, ritenuta proporzionata ed adeguata all’entità e gravità dei fatti. Per il 51enne, si sono aperte le porte del carcere di Regina Coeli.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento