Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Attivista gay picchiato dopo un bacio al compagno: il video dell'aggressione

Il video è stato girato da un amico della coppia. L'episodio risale alla sera del 26 febbraio ma è stato reso noto solo ora per agevolare l'iter legale

 

Jeans, maglia a maniche lunghe grigia e giacchetta, con la zip, nera legata in vita. Si mette in posizione di guardia e, come un atleta di muay thai, iniziare a colpire: prima con un pugno e poi con un calcio. Sono le immagini dell'aggressione avvenuta alla stazione Valle Aurelia di Roma.

Frame che raccontano, secondo quanto denunciato dall'associaizone Gaynet, la violenza subita da Jean Pierre Moreno, rifugiato e socio della stessa associazione, "colpevole", baciato con il suo compagno mentre aspettavano il treno in stazione. A documentare il fatto, un amico della coppia. 

L'episodio risale alla sera del 26 febbraio ma è stato reso noto solo ora per agevolare l'iter legale. L'uomo, a volto scoperto, per "dare una lezione" a Jean Pierre ha addirittura attraversato i binari. Nel video si vede la vittima che non arretra, anzi, prova anche a far ragionare il suo carnefice. Ma nulla. L'uomo non ne ha proprio voluto sapere di fermarsi. 

L'episodio è stato poi denunciato in polizia. "Attendiamo adesso il pronunciamento del pubblico ministero su quanto accaduto - afferma Rosario Coco, referente di Gaynet Roma - auspicando che si faccia tutto il possibile per l'identificazione dell'aggressore e per classificare questo reato nel miglior modo possibile secondo gli attuali strumenti giuridici". Secondo quanto appreso da RomaToday, al momento, gli agenti del Commissariato Aurelio non hanno però ancora individuato il responsabile. 

Il video, pubblicato dalle associazioni gay di Roma e non solo, ha fatto il giro del web. E non è la prima volta che le stesse realtà denunciato aggressioni a sfondo omofobo nella Capitale. L'ultima lo scorso giugno, quando Fabrizio Marrazzo, portavoce Gay Center e Responsabile Gay Help Line ha raccontato come una coppia gay è stata vittima delle minacce di un uomo che voleva "dar fuoco" a lui e alla sua macchina. Sempre lo scorso anno, ma ad agosto, a Torre Angela invece l'aggressione è stata fisica: qui un 31enne è stato picchiato e rapinato dal branco.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento