Lite per motivi di gelosia finisce nel sangue: accoltellato finisce in prognosi riservata

L'aggressore è stato sottoposto a fermo con l'accusa di tentato omicidio e portato nel carcere di Regina Coeli

Una banale lite, scoppiata forse per motivi di gelosia, tra due afghani di 29 e 32 anni e sfociata nel sangue, nella notte appena trascorsa. Il più piccolo dei due ha sfoderato un coltello con cui ha più volte colpito il connazionale alla schiena.

I fatti sono accaduti dopo la mezzanotte in via Casilina e la vittima si è presentata autonomamente all’ospedale “Vannini” poco dopo. Il personale sanitario ha riscontrato sul suo corpo 4 profonde ferite da arma da taglio nella parte posteriore e laterale del torace al punto da disporne il ricovero in prognosi riservata, non in pericolo di vita.

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, assunti tutti i dati disponibili, si sono subito messi sulle tracce dell’aggressore, che è stato acciuffato nella sua abitazione di via Placido Zurlo, nella zona dei Villini dove si stava organizzando per rendersi irreperibile.

L'uomo è stato sottoposto a fermo con l'accusa di tentato omicidio e portato nel carcere di Regina Coeli. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno sequestrato gli indumenti indossati sia dalla vittima che dall’arrestato per svolgere i dovuti accertamenti scientifici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Thomas Adami e Matteo Calabria, i due giovani calciatori morti su via Tiburtina: Tivoli e Guidonia sotto shock

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Omicidio al Nuovo Salario: 43enne ucciso in strada a colpi di pistola

  • Incidente sul Raccordo Anulare: si scontrano moto e camion, morto 64enne

  • Smog: blocco del traffico a Roma, stop tre giorni ai veicoli più inquinanti nella Fascia Verde

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 25 e domenica 26 gennaio

Torna su
RomaToday è in caricamento