Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca Centro Storico / Piazza di Spagna

Si preoccupa per il cavallo e il vetturino l'aggredisce: è polemica sulle botticelle

A riportare l'accaduto è stato oggi il quotidiano Il Messaggero. Da più parti si chiede l'intervento di Alemanno per mettere fine alla barbarie. Il Codici offre assistenza legale alla donna aggredita

"Ma quella retina non gli fa male?". Quando Valentina, un'impiegata di 31 anni ha posto questa domanda ad un vetturino, chiedendo spiegazioni sulla sofferenza del cavallo da lui guidato, non pensava che da lì a poco sarebbe stata aggredita da quello stesso conducente. Eppure è quel che è accaduto martedì 7 settembre quando la 31enne si è vista raggiungere dal vetturino ed essere minacciata prima e colpita con più pugni in faccia poi. A riportare l'accaduto è stato oggi il quotidiano Il Messaggero. In poche ore si è scatenata la polemica. Nel mirino il Sindaco Alemanno a cui da più parti si chiede di intervenire per mettere fine alla barbarie.

La donna ha dichiarato di aver sporto denuncia ai carabinieri. Valentina è stata portata all'ospedale Santo Spirito dove le hanno riscontrato vertigini e contusioni.

VALERIANI - Uno dei primi a chiamare in causa il sindaco è stato Massimiliano Valeriani, consigliere del PD: "L'assessore De Lillo e il sindaco devono riferire al più presto in consiglio comunale. Non si può più tollerare questa casta dei vetturini delle botticelle che agisce al di fuori della legalità con tanto di licenza pubblica e che sfrutta gli animali oltre ad essere aggressiva con cittadini e turisti".

ONORATO - Anche i consigliere e capogruppo in Campidoglio dell'Udc, Alessandro Onorato è intervenuto: "Se le autorità confermeranno la versione della ragazza aggredita martedì scorso da un vetturino, riportando contusioni e trauma cranico, il minimo che si deve fare è revocare immediatamente la licenza di questa botticella". "Non possiamo più tollerare - continua Onorato - che sulle strade della Capitale ci sia un servizio, per altro a concessione comunale, privo di tariffe prestabilite con l'amministrazione e che non vengano certificate neanche dall'emissione di una ricevuta. Molti vetturini, inoltre, continuano a non rispettare i protocolli stabiliti dal Campidoglio: prendono strade e percorsi vietati intralciando il traffico e mettendo a rischio la vita dei cavalli".

L'ASSESSORE PRESTIPINO - Così l'assessore provinciale allo sport e al Turismo Patrizia Prestipino: "Una vicenda triste che dimostra, ancora una volta, come la delibera comunale sulle cosiddette botticelle sia inefficace e, soprattutto, sia costantemente disattesa dai vetturini, che dimostrano non solo sprezzo delle regole ma un'arroganza intollerabile, aggravata dall'indifferenza di chi dovrebbe effettuare controlli e vigilare".


Il CODICI, centro per il diritto dei cittadini, vista la gravità dell'accaduto, si è offerto di prestare assistenza legale alla ragazza coinvolta nell'episodio di violenza ed annuncia di costituirsi parte civile nell'eventuale processo penale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si preoccupa per il cavallo e il vetturino l'aggredisce: è polemica sulle botticelle

RomaToday è in caricamento