Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Alcol venduto ai minorenni a tutte le ore: chiusi locali e minimarket

Alta l'attenzione da parte della Polizia Locale e della Polizia di Stato a Roma e sul litorale

Stretta contro la malamovida a Roma e sul litorale. In questo fine settimana le pattuglie della Polizia Locale sono state impegnate in numerosi interventi per far rispettare le misure anti-Covid, con una particolare vigilanza che ha riguardato le zone della movida e le località maggiormente frequentate della Capitale.

Dopo gli episodi di venerdì sera a San Lorenzo culminati con l'arresto di due ragazzi per minacce, resistenza e lesioni nei confronti del personale operante, anche sabato sera i caschi bianchi hanno proseguito l'attività di controllo per la tutela salute collettiva e per contrastare illeciti, quali la vendita irregolare di alcolici: oltre alle sanzioni, elevate nei confronti di alcuni esercizi inosservanti delle regole, due i minimarket per i quali è scattato il provvedimento di chiusura , dopo che erano stati già multati e diffidati nelle scorse settimane. 

Capillari verifiche sono state eseguite ad Ostia: centinaia gli accertamenti svolti dagli agenti nei locali e presso le attività commerciali sul lungomare nei luoghi più frequentati del litorale. Un minimarket è stato chiuso per reiterata violazione del divieto di vendita di bevande alcoliche oltre l'orario consentito e più di una decina gli esercizi sanzionati per irregolarità amministrative e inosservanza delle norme anti-contagio. 

Minimarket chiusi dalla polizia 

Nell’ambito della strategia volta a contrastare il fenomeno della movida violenta, al fianco di un controllo del territorio attento e rafforzato, servizi specifici volti a sanzionare esercizi pubblici che, non curanti delle conseguenze nefaste della loro condotta, continuano a somministrare alcolici ai minori sono stati eseguiti anche dalla Polizia di Stato. 

Ed è così che nella zona di Fidene, affidata ieri ai controlli degli agenti del commissariato di zona diretto da Fabio Germani, supportati da quelli della Divisione Polizia Amministrativa della Questura, diretta da Agnese Cedrone, 3 gestori di esercizi pubblici sono stati denunciati per aver somministrato alcolici a minorenni e per i loro locali sarà disposta la sospensione della licenza in applicazione dell’articolo 100 TULPS.

Alcol ai minorenni a San Giovanni 

Altre 5 attività commerciali, in varie zone di Roma, sono state sanzionate e chiuse immediatamenteper la violazione delle misure e dei protocolli per il contrasto alla diffusione del Covid-19 ed anche per loro sarà valutata la sospensione della licenza in applicazione dell’articolo 100 TULPS, da parte del Questore.

Infine, nella zona di san Giovanni, ad opera degli agenti del VII Distretto, diretto da Antonello Soluri altri 3 gestori di esercizi commerciali sono stati denunciati per aver somministrato alcol a minorenni in un caso e per la vendita di alcolici dopo l’orario consentito negli altri due.

La condotta di questi esercenti è lesiva per l’ordine e la sicurezza pubblica, poiché contribuisce ad esacerbare condotte violente da parte di giovani avventori che acquistano, tranquillamente, da loro, ogni sorta di bevanda alcolica, per poi, bivaccare, in modo spesso molesto per le strade della movida. Anche per loro, pertanto, è al vaglio l’immediata sospensione della licenza in applicazione dell’articolo 100 TULPS.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alcol venduto ai minorenni a tutte le ore: chiusi locali e minimarket

RomaToday è in caricamento