rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

Vandalo di piazza Navona assolto per infermità mentale, due anni in Opg

Il 3 settembre 2011 danneggiò la fontana del Moro, in seguito fu arrestato grazie a un filmato che lo incastrò. Stabilito un ricovero di due anni presso l'ospedale psichiatrico giudiziario di Aversa

Mauro Magi, l'uomo che danneggiò la fontana del Moro di Piazza Navona, tirandogli un sanpietrino è stato assolto  per totale incapacità di intendere e di volere.
Lo ha stabilito il giudice monocratico Tiziana Gualtieri assolvendolo dall'accusa di danneggiamento aggravato per vizio totale di mente. Una decisione legata anche alla perizia psichiatrica disposta nel marzo scorso dal gip in ambito di incidente probatorio.

La fontana del Moro dopo il restauro - Credit TMNEWS/Infophoto

Nei confronti dell'imputato è stato, inoltre, stabilito un ricovero di due anni presso l'ospedale psichiatrico giudiziario di Aversa perché ritenuto ancora pericoloso socialmente. Roma Capitale, attraverso l'avvocato Enrico Maggiore, si era costituita parte civile considerata la spesa di cinquemila euro per il restauro della statua. L'uomo era stato autore, nella stesso del giorno, di un raid simile contro la fontana di Trevi, sempre nel centro storico della Capitale. Magi venne arrestato 48 ore dopo l'azione vandalica. Venne riconosciuto anche dalle scarpe che indossava, le stesse visibili nei filmati delle telecamere di sicurezza che l'avevano ripreso durante i due raid vandalici. "Volevo attirare l'attenzione a causa di problemi personali che ho avuto per vicende con la magistratura", così si giustificò con i carabinieri che lo arrestarono.

Restauro Fontana del Moro Piazza Navona - Credit TM NEWS/Infophoto

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vandalo di piazza Navona assolto per infermità mentale, due anni in Opg

RomaToday è in caricamento