menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Ustiona la compagna spegnendole addosso un carbone ardente, poi minaccia di ucciderle la madre

Le violenze in famiglia da parte di un uomo di 31 anni, poi arrestato dalla polizia

Lividi ed ematomi ma ogni volta alla domanda su cosa fosse accaduto la risposta era sempre la stessa: "sono caduta". A vivere quasi un anno di convivenza caratterizzata da ingiurie, maltrattamenti, percosse e aggressioni di ogni tipo la compagna di un 31enne dominicano, rintracciato ed arrestato poi dagli agenti del commissariato Flaminio Nuovo diretto da Massimo Fiore.

Molteplici gli episodi minatori, vessatori e violenti dell’uomo nei confronti della compagna prima che quest’ultima si decidesse a denunciarlo.

I timori della vittima per il comportamento aggressivo e violento dell’uomo hanno indotto la donna a far sì che ogni volta giustificasse lividi ed ematomi, come “incidenti” domestici dinanzi ai medici dopo le cure prestatele, evitando così di denunciare il compagno.

Ed anche quando la vittima si era convinta finalmente a recarsi presso il commissariato, dopo che l’uomo le aveva spento sul petto un carbone ardente del “narghilè”, ha poi desistito poiché il convivente, conosciute le intenzioni della donna di denunciarlo, ha minacciato di fare del male a sua madre.

In tutti i numerosi interventi da parte degli agenti della Polizia di Stato, a seguito di segnalazione di lite in atto, dove la donna è stata trovata con ecchimosi e ferite, alla richiesta dei poliziotti della causa del suo stato lei affermava ogni volta che era caduta.

Infine la donna, sostenuta anche dalla propria madre, si è decisa a denunciarlo.

A seguito dei molteplici episodi ricostruiti dalla Polizia l’AG ha emesso un provvedimento di custodia cautelare ed il responsabile a seguito di ricerche è stato rintracciato dagli uomini del commissariato Flaminio e condotto presso il carcere di Regina Coeli.

L’uomo è indagato per il reato di maltrattamenti, aggravato dal fatto che la vittima durante le aggressioni si trovava in stato di gravidanza, nonché per lesioni aggravate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
De Magna e beve

Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Attualità

Coronavirus, a Roma 534 casi. Sono 1243 i nuovi contagi nella regione Lazio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento