rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Cronaca Ponte Umberto I

Si getta nel Tevere, salvato dai carabinieri: era arrivato da Sassuolo

Il 47enne è stato tratto in salvo dai militari all'altezza della Corte di Cassazione e poi trasportato al Santo Spirito. Allertati i familiari

Era appena arrivato nella Capitale da Sassuolo, poi intorno alle 15:00 è stato visto avvicinarsi al fiume Tevere dalla banchina all’altezza di Ponte Umberto I e gettarsi in acqua. Visto dai passanti è stato allertato il 112 con i carabinieri del Nucleo Radiomobile arrivati subito nella zona della Corte di Cassazione, il cosiddetto ‘Palazzaccio’. Quindi la chiamata al 118 ed ai pompieri. E' accaduto oggi pomeriggio. 

SALVATO DAI CARABINIERI - Caduto in acqua i militari lo hanno raggiunto sulla banchina riuscendo a farlo avvicinare. Nel momento opportuno, prima dell’arrivo degli altri soccorritori, i carabinieri si sono quindi gettati in acqua riuscendo a trarlo in salvo. Tutti quanti sono poi stati portati per accertamenti all’ospedale Santo Spirito. 

RESIDENTE A SASSUOLO - Ascoltato l’uomo, identificato in un cittadino italiano di 47 anni, lo stesso è risultato essere residente e originario di Sassuolo, in provincia di Modena. Chiamati i familiari gli stessi hanno riferito che il 47enne sarebbe in cura presso un Centro di Igiene Mentale (CIM) nel modenese. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si getta nel Tevere, salvato dai carabinieri: era arrivato da Sassuolo

RomaToday è in caricamento