Vigili al campo La Barbuta: cinque fermi. Il blitz dopo la denuncia di una rapina

Sette i moduli abitativi passati al setaccio dalla Polizia Locale di Roma Capitale. Accertamenti ancora in corso

La baraccopoli de La Barbuta

Blitz stamattina nella baraccopoli de La Barbuta dove la Polizia Locale di Roma ha fermato cinque persone ritenute responsabili di una rapina con una pistola nei confronti di un cittadino italiano di origini slave. L'operazione in seguito alla denuncia presentata dalla vittima al Comando del Corpo. Alle 7:00 di questa mattina gli investigatori del Comando di via della Consolazione e quelli del Gpit, diretti dal vicecomandante Antonio Di Maggio, si sono presentati davanti l'area posta al confine tra Roma e Ciampino passando al setaccio sette moduli abitativi della baraccopoli.

ACCERTAMENTI IN CORSO - Secondo le prime informazioni i 'caschi bianchi' avrebbero recuperato della refurtiva, così come la pistola utilizzata per minacciare la vittima e compiere la rapina. Sottoposti a fermo di polizia giudiziaria, i cinque sono stati portati al Comando del Corpo della Polizia Locale di Roma Capitale, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. Accertamenti in corso per comprendere l'esatta dinamica della rapina avvenuta, secondo la denuncia della vittima, all'interno della favelas de La Barbuta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Saldi, a Roma e nel Lazio si parte un mese prima: lo shopping natalizio sarà all'insegna degli sconti

  • La voglia di festa sfida il Covid: in 34 assembrati in 70 metri quadri, la vicina chiama i carabinieri

Torna su
RomaToday è in caricamento