Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Luci di Natale pericolose e taser illegali, maxi sequestro in tre magazzini a Roma est

La scoperta delle Fiamme Gialle in tre locali per lo stoccaggio dei prodotti a Tor Cervara, Tor Tre Teste e sulla via Casilina

 

Due milioni di luci natalizie non conformi alla normativa comunitaria e nazionale, nonché 56 “storditori” elettrici posti in vendita abusivamente.  E' quanto hanno trovato e sequestrati i finanzieri del Comando Provinciale di Roma in due magazzini a Roma est. 

Gli articoli erano stoccati in tre punti vendita gestiti da altrettante società riconducibili a soggetti di nazionalità cinese, individuati dai “Baschi Verdi” del Gruppo Pronto Impiego nell’ambito di un piano di controlli eseguiti in vista delle prossime festività natalizie. 

Nel primo esercizio, ubicato a via di Tor Cervara, sono stati rinvenuti circa 480.000 articoli – tra addobbi, decorazioni a tema, personaggi del presepe e strenne – privi della certificazione inerente alla marcatura CE, mentre in via Casilina sono state scovate oltre 181.000 luci natalizie, anch’esse prive di certificazione, oltre a 56 torce trasformabili in dispositivi elettrici idonei all’offesa delle persone, per la cui vendita è necessaria la licenza rilasciata dall’Autorità di Pubblica Sicurezza. 

Circa un milione e mezzo di luminarie, suscettibili di mettere a repentaglio l’incolumità degli acquirenti per il rischio di incendi nelle abitazioni, è stato scovato a via della Cisternola, in una rivendita di materiale elettrico, articoli di cartoleria e prodotti per la casa.

Quattro persone sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Roma per i reati di frode in commercio, ricettazione e commercio non autorizzato di armi, nonché segnalate  alla locale Camera di Commercio per la mancanza di informazioni e istruzioni in lingua italiana sulla sicurezza.   

Sono in corso approfondimenti per risalire alle fonti di approvvigionamento della merce.  L’operazione si inserisce nel più ampio dispositivo messo in atto dalla Guardia di Finanza di Roma a salvaguardia dell’economia legale e della sicurezza dei cittadini.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento