rotate-mobile
Cronaca

Scontri tra ultras di Roma e Napoli, daspo per nove tifosi

Alcuni dei nove tifosi colpiti dal daspo sono risultati recidivi e pertanto l'entità della misura applicata è di 5 anni

Daspo per nove tifosi che hanno partecipato agli scontri di domenica 8 gennaio in A1 alla stazione di servizio di Badia al Pino. Sono tre ultras della Roma e sei del Napoli. Ma il numero è destinato a salire man mano che vengono messe a fuoco identità e responsabilità. Quattro dei nove sono gli ultras identificati e fermati dei giorni scorsi, tre giallorossi e un campano, tutti scarcerati.

Sul versante penale la procura di Arezzo, diretta dal procuratore capo Roberto Rossi, ha aperto un fascicolo di indagine ipotizzando i reati di rissa aggravata, interruzione di pubblico servizio e attentato alla sicurezza dei trasporti.

Tra i nove daspati ci sono anche tifosi per i quali scatta l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria in questo caso, trattandosi di un provvedimento cautelare personale coercitivo, l'iter prevede l'emissione del provvedimento da parte del questore e la sua comunicazione all'interessato. Per cinque daspati la Procura di Arezzo ha chiesto la convalida al giudice per le indagini preliminari.

Sul versante penale la procura aretina, diretta dal procuratore capo Roberto Rossi, ha aperto un fascicolo di indagine ipotizzando i reati di rissa aggravata, interruzione di pubblico servizio e attentato alla sicurezza dei trasporti.

I soldati del tifo: lo spauracchio degli ultras violenti

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontri tra ultras di Roma e Napoli, daspo per nove tifosi

RomaToday è in caricamento