menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Truffa alle Poste: documenti falsi per riscattare una polizza da 350mila euro

A sventare il tentativo di raggiro la polizia dopo la segnalazione del direttore dell'ufficio preso di mira all'Aurelio

Documenti falsi per mettere a segno una truffa alle Poste da 350mila euro. A tentarla un 46enne di origini campane, arrestato dalla Polizia di Stato dopo che si era presentato in un ufficio postale del quartiere Aurelio chiedendo di poter riscattare una polizza, a suo dire, da 250 mila euro.

Il primo campanello d’allarme è stato proprio la cifra della polizza che in realtà era da quasi 350 mila euro.

Il direttore, con discrezione, ha chiamato il 112 NUE ed in breve tempo è giunta una pattuglia del commissariato Aurelio, diretto da Alessandro Gullo.

Gli agenti, in collaborazione con i colleghi della Polizia Postale, hanno verificato che la carta  d’identità esibita per l’incasso, che riportava i dati anagrafici del vero intestatario della polizza e la foto della persona che si era presentata,  era falsa ed infatti era priva dei rilievi calcografici.

L'uomo ha ammesso le sue responsabilità ed ha fornito ai poliziotti i suoi veri dati anagrafici.

Gli agenti, oltre alla carta d’identità, hanno anche sequestrato una tessera sanitaria, intestata sempre al reale intestatario della polizza, ed un cellulare.

L’uomo è stato arrestato e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, mentre prosegue il lavoro degli investigatori per individuare eventuali complici di truffatore. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Notizie

Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    "Ma che c'hai prescia?", cosa significa e perché si dice così

  • Sicurezza

    Come eliminare l’odore di fumo in casa

  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento