rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Vicovaro

Truffatore chiede 500 euro alle Poste: "Sono il comandante dei carabinieri"

Il tentativo con una telefonata all'ufficio postale di Vicovaro. L'uomo smascherato dall'intuizione della direttrice

"Pronto sono il comandante dei carabinieri, vorrei fare una ricarica di 500 euro sulla PostePay". Questa la strana telefonata ricevuta all'ufficio postale di Vicovaro, piccolo centro della Valle dell'Aniene, che ha destato il sospetto della direttrice della filiale. Un tentativo di truffa smascherato poi dai veri militari dell'Arma che hanno denunciato a piede libero un 33enne originario di Maddaloni, nel casertano, per tentata truffa e sostituzione di persona.

FALSO COMANDANTE - L’uomo, per farsi fare una ricarica da 500 euro sulla carta ricaricabile delle poste ha chiamato alla direttrice dell’Ufficio Postale del paesino in provincia di Roma spacciandosi al telefono per il Comandante della Stazione Carabinieri di Vicovaro. L’impiegata delle Poste però, conoscendo bene il maresciallo dei Carabinieri  non ci è cascata e ha dato l’allarme rivolgendosi ai veri Carabinieri per denunciare l’accaduto.

TRUFFA COLLAUDATA - Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, questo particolare modus operandi è stato utilizzato dall’imbroglione per mettere a segno diverse truffe su tutto il territorio nazionale. Questa volta, il raggiro non gli è andato a buon fine.

IDENTIFICAZIONE DEL TRUFFATORE - Gli accertamenti sul numero della carta postepay sulla quale era stata richiesta l’operazione e sull’utenza cellulare da cui era partita la telefonata hanno portato i militari ad identificare il truffatore, che annovera diversi precedenti specifici. Sono in corso ulteriori indagini da parte dei Carabinieri diretti dal capitano Andrea Cinus per accertare se l’uomo denunciato possa aver compiuto altre truffe, utilizzando la stessa tecnica, nella Provincia di Roma. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffatore chiede 500 euro alle Poste: "Sono il comandante dei carabinieri"

RomaToday è in caricamento