Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

False separazioni tra coniugi per avere assegni sociali, ma erano ricchi con case a Roma e Sabaudia

La Guardia di Finanza ha smascherato una frode ai danni del bilancio dello Stato attuato da due coppie che non avevano mai divorziato

Delle false separazioni coniugali al fine di percepire l'assegno sociale. Ma le due coppie non erano indigenti, al contrario avevano case a Sabaudia ed a Roma e redditi elevati. Sono stati i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Latina, coordinati dal Col. t.ST. Michele Bosco, nell’ambito degli accertamenti economico-finanziari condotti nel settore della spesa pubblica nazionale, a denunciare all’Autorità Giudiziaria di Latina quattro soggetti, due uomini e due donne, per truffa ai danni dello Stato finalizzata all’indebito conseguimento di erogazioni pubbliche.

Finte separazioni per gli assegni sociali 

In particolare le indagini, eseguite dai Finanzieri della Brigata di Sabaudia, in collaborazione con personale della Direzione Provinciale INPS di Latina, hanno portato alla luce la reale situazione familiare di due coppie di coniugi che si sono fittiziamente separate, creando agli occhi dell’I.N.P.S. i presupposti reddituali per beneficiare della prestazione assistenziale dell’assegno sociale, indebitamente fruito in più anni per un ammontare complessivo pari ad oltre 120 mila euro.

Case a Sabaudia e Roma 

Infatti, sebbene nei decreti di separazione venisse stabilito che le due signore, prive di reddito, si sarebbero dovute trasferire presso gli immobili di proprietà siti in Sabaudia mentre i rispettivi (ex) mariti, percettori di consistenti pensioni, sarebbero dovuti restare nei loro immobili siti in Roma, in realtà le due coppie non si sono mai separate, né hanno richiesto il divorzio, continuando di fatto a convivere nella capitale sotto lo stesso tetto coniugale, come riscontrato dai militari della Guardia di Finanza, utilizzando invece gli immobili di Sabaudia come seconda abitazione per le vacanze estive.

Conti correnti e depositi bancari 

Dalle ulteriori indagini svolte, anche dal punto di vista patrimoniale, è inoltre emerso che le due coppie non necessitavano in realtà di alcuna forma di assistenza da parte dello Stato in quanto, oltre agli immobili di Sabaudia e Roma, risultavano titolari di disponibilità finanziarie sui conti correnti e depositi bancari per centinaia di migliaia di euro.

Truffa ai danni dell'Inps 

I quattro soggetti sono stati altresì segnalati alla Direzione Provinciale INPS di Latina, che ha avviato la procedura per il recupero degli importi illecitamente riscossi, con le dovute maggiorazioni, procedendo contestualmente alla revoca delle prestazioni assistenziali.

Evasione fiscale di 80mila Euro 

Parallelamente, i Finanzieri hanno anche proceduto, nei confronti delle due signore percettrici dell’assegno sociale, alla constatazione per il recupero a tassazione dei proventi illeciti frutto dell’indebita riscossione dell’assegno sociale, segnalando all’Agenzia delle  Entrate di Latina un’evasione delle imposte sui redditi delle persone fisiche per circa 80 mila euro.

Truffa ai danni dei beni dello Stato 

L’attività svolta dalle Fiamme Gialle pontine si inquadra nell’ambito dei compiti di polizia economico-finanziaria attribuiti al Corpo della Guardia di Finanza per la tutela della spesa pubblica nazionale, finalizzati a reprimere gravi condotte illecite sull’impiego di parte delle risorse finanziarie del bilancio pubblico, stanziate ogni anno per finalità assistenziali e di politica sociale nei confronti dei soggetti realmente più svantaggiati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

False separazioni tra coniugi per avere assegni sociali, ma erano ricchi con case a Roma e Sabaudia

RomaToday è in caricamento