Anziani narcotizzati e derubati con la truffa del 'falso assistente sociale', arrestate mamma e figlia

Le vittime narcotizzate dopo aver ingerito un pasticcino o bevuto bevande soporifere

Nascotizzavano anziani e li derubavano con la truffa del 'falso assistente sociale'. Nella mattinata odierna gli agenti della Polizia di Stato della Squadra Mobile hanno arrestato due donne di origine sinti, una 55enne nata in Liguria e la figlia di 41 anni della provincia di Latina entrambe residenti ad Aprilia, per numerosi episodi di rapine aggravate in abitazione, avvenute a Roma lo scorso anno.

Le indagini sono scaturite da una serie di truffe ad anziani che, consumate con precise modalità, si sono tramutate in vere e proprie rapine in abitazione. Una volta convinte le vittime ad aprire la porta di casa, le due truffatrici, dopo aver stordito gli anziani con bevande diluite con sostanze narcotizzanti, li derubavano di denaro contante e degli oggetti preziosi presenti negli appartamenti.

Le donne, che hanno colpito nelle zone Tuscolano, Appio e Sant'Ippolito nel 2017, sfruttavano la tecnica del 'falso assistente sociale'. Il modus operandi era sempre il medesimo: accedendo all'interno degli appartamenti delle vittime con la scusa di prestargli assistenza o fargli compagnia oppure addirittura con il pretesto di festeggiare il compleanno delle truffatrici, ed asportando dalle abitazioni numerosi monili preziosi in oro quali bracciali, anelli, orecchini, collane, orologi di pregio, carnet di assegni, bancomat, carte di credito e denaro contante, approfittando dell’incapacità di volere e di agire delle persone anziane, nel frattempo narcotizzate dopo aver ingerito un pasticcino o bevuto bevande soporifere.

Nel corso delle indagini è stato appurato inoltre come le arrestate si avvalessero della collaborazione di due medici psicologi, di Palestrina e di Latina, indagati per il reato di false attestazioni in atti destinati all'Autorità Giudiziaria, i quali redigevano in loro favore falsi certificati medici per consentirgli di ottenere gli arresti domiciliari in luogo della detenzione in carcere.

In occasione delle catture, in collaborazione con personale della Questura di Latina sono state effettuate 11 perquisizioni a carico di altrettante persone indagate a vario titolo per i reati di falso materiale e ricettazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono tuttora in corso ulteriori approfondimenti investigativi per definire il contesto criminale delle due donne al fine di individuare altri episodi di rapine già consumate a Roma con le medesime modalità. Le arrestate, entrambe già sottoposte al regime degli arresti domiciliari per analoghi reati, al termine degli atti di rito sono state associate al carcere di Rebibbia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento