rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Sequestrato in casa da 5 persone, legato e rapinato del suo stipendio: presa tutta la banda

La causa scatenante, secondo i rapinatori, sarebbe stato l'utilizzo da parte della vittima dei loro oggetti personali senza chiedere permesso

Dopo 10 mesi di indagine, gli agenti di polizia hanno arrestato gli ultimi due componenti di una banda che lo scorso 11 febbraio, avevano aggredito, sequestrato, legato con dei fili elettrici e ferito con un coltello un nigeriano, all'interno del suo appartamento in via Sterope per poi rapinarlo anche di di 850 euro e di alcuni oggetti personali.

Dopo i primi accertamenti effettuati dal personale della Polizia di Stato del VI, diretto da Michele Peloso, i responsabili, 2 connazionali della vittima,  sono stati subito rintracciati all’interno delle loro abitazioni e arrestati. Le successive indagini, hanno permesso di identificare anche gli altri 3 complici, anch'essi di nazionalità nigeriana.

Il Tribunale di Roma, valutato il lavoro degli uomini del VI Distretto Casilino, ha emesso nei confronti dei 3 malviventi che nel frattempo si erano resi irreperibili,  le ordinanze di custodia cautelare in carcere.

Il 22 giugno scorso 2 di loro sono stati rintracciati e arrestati: uno in via Acquacanina e l’altro in un appartamento di Acilia. Il terzo invece che, a seguito delle indagini degli investigatori era risultato  latitante e fuggito dall’Italia, grazie alle successive ricerche in ambito europeo, è stato rintracciato a Parigi.

Con richiesta di estradizione ieri, gli agenti del VI Distretto, con la collaborazione del Servizio Interpol e della Polaria di Fiumicino, lo hanno tratto in arresto presso lo scalo aereo e condotto nel carcere di Rebibbia.

Tutti sono stati arrestati per rapina, sequestro e lesioni in concorso tra di loro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrato in casa da 5 persone, legato e rapinato del suo stipendio: presa tutta la banda

RomaToday è in caricamento