rotate-mobile
Cronaca

Termini sorvegliata speciale: sei arresti in poche ore

I controlli rientrano nell'ambito di un più ampio piano strategico pianificato dai carabinieri di Roma, in linea con l’azione fortemente voluta dal Prefetto Bruno Frattasi in seno al comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica

Continua la serie di controlli a Termini dopo l'aggressione dello scorso 31 dicembre che ha portato ad innalzamento delle misure di attenzione. Nelle ultime ore sono state arrestate 6 persone. I carabinieri del nucleo scalo Termini hanno arrestato un 26enne algerino, senza dimora, che a seguito di un controllo in piazza dei Cinquecento, in esito ad accertamenti alla banca dati delle forze dell’ordine e presso l’ufficio immigrazione della questura di Roma, è risultato aver fatto reingresso illegale nel territorio nazionale senza la prevista autorizzazione del ministero dell’Interno, essendo stato destinatario di ordine di espulsione del questore di Taranto, eseguito nel 2018.

Sempre in piazza dei Cinquecento, i militari hanno arrestato anche un 41enne libico trovato in possesso di 5 dosi di hashish. All’interno della galleria Forum Termini, i carabinieri hanno invece arrestato due cittadini del Marocco, di 21 e 28 anni, entrambi senza dimora e con precedenti, sorpresi dall’addetto alla sicurezza di una profumeria mentre tentavano di asportare una confezione di profumo, del valore di 120 euro, previa rimozione della placca antitaccheggio. I due, vistisi scoperti, hanno tentato la fuga ma sono stati bloccati dai militari intervenuti immediatamente.

A bordo della metropolitana linea B, proprio alla fermata Termini, gli uomini dell'Arma hanno invece arrestato una 32enne, domiciliata presso il campo nomadi di Castel Romano e già nota alle forze dell’ordine, bloccata su indicazione delle guardie giurate di vigilanza, dopo aver asportato con destrezza il portafogli ad una turista venezuelana di 50 anni.

Infine, in via Giovanni Giolitti, i carabinieri di piazza Dante hanno arrestato un 26enne del Marocco che poco prima aveva avvicinato un turista venezuelano di 36 anni e, dopo averlo strattonato, ha tentato di derubarlo del telefono cellulare. La resistenza della vittima ha fatto desistere il 26enne che lo ha spintonato, facendolo cadere a terra, e si è dato alla fuga per le vie limitrofe dove però è stato rintracciato dai militari che lo hanno arrestato per tentata rapina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Termini sorvegliata speciale: sei arresti in poche ore

RomaToday è in caricamento