rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Appio Latino / Via Latina

Tentato stupro al Parco della Caffarella: aggredita una ragazza

Una giovane di 23 anni è stata aggredita al Parco della Caffarella, all'altezza del Casale della Vaccareccia. Un uomo armato di coltello ha tentato di stuprarla

Stava facendo jogging nel Parco della Caffarella, all'altezza del Casale della Vaccareccia, quando è stata aggredita da un uomo che ha tentato di violentarla. E' successo a una ragazza, cittadina israeliana di 23 anni, sabato sera. Ai poliziotti che l'hanno soccorsa, la giovane ha raccontato che l'uomo era uno straniero che, armato di coltello, l'avrebbe aggredita alle spalle dandole un pugno e portandola dietro un cespuglio. A riportare la notizia è il Messaggero.

Fabrizio Santori, presidente della Commissione Sicurezza di Roma Capitale, commenta l'accaduto ricordando il feroce stupro del 2009 e puntando il dito contro gli insediamenti abusivi che si annidano nel parco: “L’aggressione di una donna all’interno del Parco della Caffarella non deve essere assolutamente sottovalutata. Nonostante, nel corso del tempo, si siano susseguiti sgomberi di insediamenti abusivi e controlli per rendere sicuro quello che nel 2009 era stato considerato il parco della paura a seguito dello stupro di una minorenne nel giorno di San Valentino, gli abitanti di quel tratto di via Latina, che si affaccia sulla grande oasi di verde, lamentano un via vai di immigrati e nomadi che dormono nel parco, falò accesi di notte, bottiglie di birra lasciate ai margini della strada e chiedono maggiori controlli, telecamere e recinzioni.”

Quindi, si rivolge direttamente al questore chiedendo nuovi interventi: “E’ tempo di sbarrare la strada alla violenza perpetrata in particolare nei confronti delle donne per questo auspichiamo che il nuovo questore Fulvio Della Rocca aumenti l’attività di vigilanza con lo scopo di superare situazioni di abbandono e degrado, anche diurno, ma, allo stesso tempo, è necessario concludere quanto prima il cronoprogramma per la messa in sicurezza dell’area naturale protetta da parte della Regione Lazio e dell'Ente Parco dell’Appia Antica, responsabili per le aree verdi interne. Esprimiamo solidarietà alla donna aggredita dal maniaco con la speranza che possa essere consegnato rapidamente alla giustizia.” conclude Santori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentato stupro al Parco della Caffarella: aggredita una ragazza

RomaToday è in caricamento