Tentati suicidi al carcere di Civitavecchia: "Salvate due persone"

Lo rende noto il segretario del Sappe Donato Capece: "La situazione delle carceri resta altamente allarmante"

Due tentati suicidi nel carcere di Civitavecchia. Questi i numeri della sola scorsa settimana. A renderli noti il segretario generale del sindacato autonomo di polizia Sappe Donato Capece. L'ultimo a tentare di 'farla finita' è stato un detenuto campano appena arrivato nel nuovo complesso penitenziario citavecchiese che "ha tentato di uccidersi nella sua cella realizzando un rudimentale cappio con le lenzuola della cella".

INTERVENTO DELLA POLIZIA PENITENZIARIA - Un tentato suicidio non andato a buon fine: "Per fortuna l’insano gesto non è stato consumato per il tempestivo intervento dei poliziotti penitenziari, ma l’ennesimo episodio accaduto in carcere a Civitavecchia  è sintomatico di quali e quanti disagi caratterizzano la quotidianità penitenziaria - denuncia Donato Capece, che esprime ai poliziotti che hanno salvato la vita al detenuto - apprezzamento e l’auspicio che venga loro concessa una ricompensa ministeriale".

PRIMO TENTATIVO - Il sindacalista sottolinea che "anche lo scorso 30 agosto, un altro detenuto di Civitavecchia, italiano di 34 anni, ha tentato il suicidio mediante impiccamento ma anche in questo caso l’hanno salvato i Baschi Azzurri. Negli ultimi 20 anni le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria hanno sventato, nelle carceri del Paese, più di 16mila tentati suicidi ed impedito che quasi 113mila atti di autolesionismo potessero avere nefaste conseguenze".

SITUAZIONE ALLARMANTE - "La situazione nelle carceri resta allarmante. Altro che emergenza superata - aggiunge Capece -. Per fortuna delle Istituzioni, gli uomini della Polizia Penitenziaria  svolgono quotidianamente il servizio in carcere - come a Civitavecchia - con professionalità, zelo, abnegazione e soprattutto umanità, pur in un contesto assai complicato per il ripetersi di eventi critici. Ma devono assumersi provvedimenti concreti: non si può lasciare solamente al sacrificio e alla professionalità delle donne e degli uomini della Polizia Penitenziaria la gestione quotidiana delle costanti criticità delle carceri laziali e del Paese tutto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus, a Roma 1362 nuovi casi. Nel Lazio 59 morti nelle ultime 24 ore: mai così tanti da inizio pandemia

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

Torna su
RomaToday è in caricamento