rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Violenza sessuale e rapina aggravata nel Policlinico: fermato 25enne

Nei confronti del giovane ci sono gravi indizi di colpevolezza, tra cui gli oggetti rubati alla vittima nello spogliatoio del Policlinico Umberto I dove tentò la violenza

Un cittadino etiope di 25 anni  pregiudicato, irregolare sul territorio nazionale è stato sottoposto a fermo di Polizia Giudiziaria perché nei suoi confronti sono emersi gravi indizi di colpevolezza per il reato di violenza sessuale e rapina aggravata.

Il 25 enne sarebbe stato riconosciuto dalla vittima di una violenza sessuale di una rapina avvenuta in uno spogliatoio del Policlinico Umberto I, ai danni di una dottoressa specializzanda. L'espisodio è avvenuto il 24 giugno scorso, quando il giovane ha iniziato a palpeggiare la giovane donna per poi tentare di sfilarle i pantaloni. Quindi, non riuscendoci perché impedito dalle reazioni della vittima si è impossessato del suo telefono cellulare I-phone e di un mazzo di chiavi.
Grazie alla segnalazione di alcuni colleghi della vittima è stato rintracciato in viale dell'Università.

Nel corso della perquisizione l’indagato, che ha tentato di sottrarsi al controllo opponendo resistenza al personale intervenuto, è stato trovato in possesso oltre che del mazzo di chiavi sottratto alla vittima anche di materiale vario, tra cui due coltellini e due telefoni cellulari su cui verranno avviati accertamenti.
Inoltre, la successiva perquisizione domiciliare, effettuata in Via Cupa dove ha il posto letto, ha permesso di trovare e sequestrare anche il telefono I-phone rapinato alla dottoressa.
Il P.M. di turno dr.ssa Tiziana Cugini, titolare delle indagini, ha disposto che il fermato venisse associato presso la casa Circondariale di Roma Regina Coeli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza sessuale e rapina aggravata nel Policlinico: fermato 25enne

RomaToday è in caricamento