menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Controlli dei carabinieri al Pigneto

Controlli dei carabinieri al Pigneto

V municipio sotto assedio della microminalità, vertice con il Prefetto a Villa De Sanctis: "Stop illegalità"

L'incontro ha visto la partecipazione del Questore e dei Comandanti provinciali di Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Locale

Un'insicurezza percepita e una sicurezza che, nella percezione dei cittadini, sembra non esserci. Una escalation di microcriminalità che con il passare delle settimane è salita alla ribalta delle cronache cittadine quasi quotidianamente. Ad essere vittime di furti, scippi ed aggressioni gli abitanti del quadrante est del V Municipio della Capitale. Da qui l'allarme lanciato dagli stessi residenti del Pigneto, Torpignattara, Marranella, Prenestino, Malatesta e Vigne Alessandrine. 

Una questione che è arrivata sul tavolo del Prefetto di Roma che ha convocato nella giornata di mercoledì un tavolo per la sicurezza dove sono state programmate iniziative definite ad "Alto Impatto" per contrastare l'illegalità. La riunuone dell'Osservatorio territoriale per la sicurezza si è tenuta a Villa De Sanctis con il comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica 'locale' presieduto dal Prefetto di Roma, Matteo Piantedosi in persona. 

Tavolo per la sicurezza a Villa De Sanctis

La riunione, la prima di una serie in diverse zone di Roma, risulta in linea con quanto fatto anche dall'ex Prefetto, Gerarda Pantalone, che riunì gli Osservatori nei vari municipi. Anche Piantedosi intende spostare il baricentro dell'attenzione sui temi della sicurezza su scala territoriale e per questo, secondo quanto si apprende, si recherà nei vari Municipi capitolini per affrontare le diverse e particolari criticità. 

Con una differenza rispetto al passato: nessuna riunione nei 'palazzi' ma nel territorio. L'Osservatorio di ieri infatti si è riunito nella Casa della cultura a Villa De Santis, storica area verde tra i quartieri più evocativi della zona, come Tor Pignattara e Centocelle. 

Risposte concrete ai cittadini 

Presenti oltre al Prefetto, anche il presidente del Municipio, Giovanni Boccuzzi, il Questore di Roma, Carmine Esposito, i Comandanti provinciali di Carabinieri e Guardia di Finanza, il delegato alla sicurezza per la sindaca Raggi, Marco Cardilli e i rappresentanti locali delle forze dell'ordine e della Polizia locale. 

Al centro della riunione il confronto sui diversi problemi dei territori del Pigneto, Tor Pignattara e Centocelle. L'obiettivo, secondo quanto confermano fonti della Prefettura, è quello innanzitutto dell'ascolto volto alla definizione di strategie di intervento mirate per fornire risposte ancora più efficaci per la legalità ma anche in modo da restituire ai cittadini un'alta percezione di sicurezza. 

Furti alla scuola Pisacane 

Tra i temi trattati, secondo quanto trapela, dalle occupazioni ai furti nelle scuole, come accaduto diverse volte alla scuola Pisacane, dal contrasto allo spaccio degli stupefacenti alle irregolarità amministrative, fino alla lotta a fenomeni di microcriminalità come furti, rapine e scippi. Episodi, questi ultimi, che dopo il calo registrato durante il lockdown, come confermano dati statistici, di recente hanno iniziato a destare preoccupazione in particolare tra gli abitanti di Tor Pignattara, Malatesta e Pigneto. 

L'Osservatorio ha fatto il punto oltre che sulle tematiche legate alla microcriminalità e allo spaccio, anche su profili più legati ai controlli amministrativi, per questo non si escludono iniziative 'ad alto impatto' volte al contrasto generale dell'illegalità.

Giro di vite delle forze dell'ordine

Richiesta di maggior controllo del territorio che ha trovato la risposta delle forze dell'ordine che hanno attuato dei servizi di controllo straordinario del territorio come accaduto lo scorso mercoledì con i carabinieri della Compagnai Roma Casilina che hanno passato al setaccio le zone del Pigneto, Malatesta e Torpignattara con posti di controllo e chekc point. 

Controllo del territorio che ha portato i carabinieri della Stazione Roma Torpignattara ad intensificare i controlli nell'area. A finire in manette nel quartiere mutlietnico del V Municipio un cittadino del Marocco di 24 anni, senza fissa dimora, nullafacente e con precedenti, arrestato per il reato di furto aggravato.  

Ladro d'auto a Torpignattara 

I militari impegnati in un servizio di controllo del territorio volto a prevenire e reprimere i reati predatori, hanno individuato e bloccato lo straniero subito dopo aver infranto il lunotto anteriore destro di un furgone, da cui stava asportando 2 lampade portatili a led e una chiave inglese universale per sbloccare le porte degli ascensori. Il giovane è fuggito nel tentativo di sottrarsi al controllo ma è stato raggiunto e bloccato dai militari. La refurtiva è stata recuperata e restituita al proprietario. L’arrestato è stato accompagnato in caserma e trattenuto, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo. 

Controlli della polizia in V Municipio 

Attività di controllo nel territorio del V Municipio che ha visto in campo anche gli agenti della Polizia di Stato che hanno arrestato un pusher trovato con circa 4 etti di hashish.  Sono stati gli investigatori del Distretto Prenestino, diretto da Roberto Arneodo, nell’ambito dell’intensa e quotidiana attività volta al contrasto dello spaccio di stupefacenti, a tenere sotto osservazione un 43enne romano già in passato arrestato per spaccio. I poliziotti, dopo averlo visto aggirarsi nei locali di servizio del suo palazzo e conversare con fare sospetto con un presunto cliente, lo hanno fermato e controllato anche con l’aiuto di “Condor”, uno dei cani antidroga della Questura di Roma. 

È stato proprio “Condor” a trovare una busta con 4 panetti interi e vari frammenti di hashish; nella stessa busta c’era anche una bilancia elettronica di precisione. Anche nell’abitazione del 43enne sono stati trovati alcuni frammenti di “fumo”. L’arresto dell’uomo è solo l’ultimo risultato di una lunga serie raggiunto durante i servizi di prevenzione e repressione dei reati messi in atto nel territorio del V Municipio che comprende il Distretto Prenestino ed i commissariati Porta Maggiore, diretto da Irene Di Emidio e Torpignattara, diretto da Giuseppe Amoruso.

Controlli della polizia a Roma est 

Da gennaio ad oggi sono oltre 100 i servizi di controllo del territorio effettuati, 4434 le persone identificate e 173 quelle arrestate. Denunciate inoltre 102 persone e controllati 1010 veicoli. L’attenzione dei poliziotti è stata rivolta anche in quelle aree sensibili del quartiere che maggiormente si prestano a rifugio per spacciatori e tossicodipendenti; in particolare, presso un fabbricato di via Fanfulla da Lodi, già sottoposto a sequestro preventivo, sono stati trovate 16 persone poi denunciate per violazione dei sigilli. Alcuni servizi sono stati invece svolti nei quartieri della Rustica, Centocelle e lungo viale Palmiro Togliatti, durante i quali alcune prostitute sono state sanzionate in violazione del regolamento di polizia urbana.

Normative antiCovid 

Numerosi i controlli per il rispetto delle normative anti Covid effettuati in tutto il territorio del V Municipio con 60 persone sanzionate per violazione delle stesse norme. I servizi straordinari proseguiranno anche nelle prossime settimane soprattutto nelle zone solitamente frequentate da pregiudicati o persone dedite ad attività illecite.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento