Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Targhe alterne, Adoc: "Misura medievale, iniqua e dannosa"

L'Adoc fa notare come un romano su quattro sia stato multato perché disinformato sul provvedimento delle targhe alterne. Per l'Adoc si tratta di una misura "misura medievale, iniqua e dannosa"

La decisione da parte del Campidoglio di adottare le targhe alterne per due giorni di seguito lascia scontenta l'Adoc, che unendosi alle critiche lanciate dal Codacons, fa notare come a causa della comunicazione tardiva del provvedimento, un romano su quattro è stato multato, perché disinformato. Secondo l'Adoc, l'adozione delle targhe alterne è una misura "medievale, iniqua e dannosa".

“Come avevamo previsto, la negligenza del Comune di Roma sulla comunicazione, tardiva e insufficiente, delle giornate di targhe alterne ha fatto sì che un romano su quattro è stato multato per aver violato la disposizione sulle targhe alterne – dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc –. Buona parte dei romani non era nemmeno a conoscenza del divieto e chi lo sapeva non ha avuto nemmeno il tempo di organizzarsi".

Secondo Pilieri "è una vergogna, dato che le targhe alterne sono una misura medievale, iniqua e dannosa per i cittadini, oltre che assolutamente inutile ai fini della tutela dell’ambiente, serve solo a rimpinguare le casse comunali con un gettito extra derivante dalle multe, da 155 euro, inflitte ai trasgressori. E pensare che il sindaco aveva impostato la sua campagna preelettorale sull’eliminazione di questa misura. E’ inaccettabile - prosegue Pilieri - che i cittadini debbano subire questa tassazione indiretta, senza alcun miglioramento per il pur sentito problema dell’inquinamento, che non crediamo possa risolversi con questa misura".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Targhe alterne, Adoc: "Misura medievale, iniqua e dannosa"

RomaToday è in caricamento