menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fermato per violenza sessuale, si lancia dalla finestra e muore

L'uomo, un 45enne tunisino, era sotto interrogatorio in un ufficio del terzo piano perché ritenuto responsabile di una violenza sessuale

Era accusato di aver violentato una donna nella serata di sabato in via Bissolati. Per questo era stato portato negli uffici del commissariato Viminale in via Farini. Qui, al terzo piano, era in corso l'interrogatorio quando il 45enne tunisino ha deciso di togliersi la vita. L'ha fatto lanciandosi da una finestra. Terribile il volo. L'impatto con il terreno non gli ha lasciato scampo. L'uomo infatti è morto praticamente sul colpo.

Dalle informazioni raccolte  nella stanza erano presenti un funzionario e un agente. Il cittadino tunisino, classe 1969 con precedenti specifici per violenza sessuale, ha chiesto un bicchiere d'acqua. L'agente si è così allontanato per prenderlo. L'altro poliziotto intanto era impegnato a redigere gli atti dell'arresto. Tanto è bastato all'uomo per dirigersi di corso verso la finestra, sfondare la persiana, in quel momento chiusa, e lanciarsi nel vuoto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento