Cronaca Pinciano / Viale Giorgio Washington, 3

Stupro a Villa Borghese: caccia a un ventenne. Raggi: "Ennesimo atto mostruoso"

La 57enne tedesca ha raccontato i fatti alla Polizia: "Mi ha afferrato per i capelli, picchiato e violentato"

Carnagione chiara, tra i 20 e i 25 anni, forse dell'Europa dell'Est. Questo l'identikit che la 57enne tedesca stuprata a Villa Borghese ha fornito alla Polizia di Stato che ha, immediatamente, fatto partire le indagini dopo i rilievi scientifici eseguiti nel parco di viale Washington tra i giacigli di fortuna dove la donna dormiva e l'area in qui la vittima è stata trovata. 

Salvata da un tassista

La tedesca è stata trovata intorno all'una da un tassista che transitava dentro il celebre parco romano: "È sbucata dal nulla, l'ho illuminata con i fari: era nuda, aveva le mani legate", ha detto al Corriere della Sera. La donna stava correndo verso Valle Giulia. "Ho frenato di colpo per non investirla. Era sotto choc. Aveva i polsi legati insieme con delle fascette", racconta il salvatore che è stato sentito dalla Squadra Mobile, che aggiunge: "Mi ha detto di essere stata picchiata da un uomo di carnagione chiara vestito di scuro".

"Io legata, picchiata e violentata"

La tedesca è stata accompagnata al Santo Spirito in codice rosa, quello per le violenze sessuali. È stata trattenuta in osservazione nel reparto di ginecologia e ascoltata dagli inquirenti: "Mi ha afferrato per i capelli, picchiato e violentato. Sono riuscita a scappare, ma lui mi ha raggiunto, mi ha legato i polsi per non farmi muovere e sono continuati gli abusi", ha raccontato la donna, che agli investigatori ha parlato di un uomo di carnagione chiara, tra i 20 e i 25 anni, forse dell'Europa dell'Est.

Le indagini: la caccia all'uomo 

Nel frattempo prosegue serrata la caccia all'uomo. Gli agenti hanno passato la notte nel parco di Villa Borghese in cerca di prove o particolari che possano ricondurre all'aggressore che le avrebbe anche sottratto 40 euro. Al vaglio anche le telecamere presenti mentre la Procura di Roma ha aperto un fascicolo per violenza sessuale, affidato al pm Vittorio Pilla. Le indagini vertono a 360 gradi, anche negli ambienti dei senza fissa dimora. 

Le reazioni del mondo politico 

La sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha commentato su Twitter l'accaduto: "Ancora violenza sulle donne. L'ennesimo atto mostruoso, ignobile e inaccettabile che non deve restare impunito".

Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti sottolinea "Questo ennesimo stupro non deve lasciare senza parole. Prima di tutto assicurare giustizia, insieme alziamo voce contro violenze sulle donne".

"Basta, ormai è una vera e propria epidemia!", commenta il leader della Lega, Matteo Salvini. Barbara Saltamartini, vice capogruppo alla Camera della Lega Ncs, parla di "città allo sbando". Roma "in fatto di sicurezza è divenuta terra di nessuno. A pagarne le conseguenze sono sempre più le donne", afferma il consigliere capitolino di Fratelli d'Italia Francesco Figliomeni

Ancora violenze sessuali a Roma

I casi di violenza sessuale a Roma, in pochi giorni, crescono. La notte tra l'8 e il 9 settembre una 20enne finlandese è stata abusata da un bengalese a Castro Pretorio, mentre quella tra martedì e mercoledì scorso una belga ha denunciato una tentata violenza da parte di un ragazzo israeliano sulla scalinata dell'Ara Pacis. Prima ancora a Colle Oppio

La Prefettura nei prossimi giorni organizzerà un tavolo con Campidogio e Questura. Oggi, martedì 19 settembre, il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti presenterà invece le misure straordinarie promosse dalla Regione Lazio a favore della sicurezza e gli interventi per contrastare la violenza contro le donne.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stupro a Villa Borghese: caccia a un ventenne. Raggi: "Ennesimo atto mostruoso"

RomaToday è in caricamento