Verano: insegnante violentata nel parcheggio, ricercato un uomo

A scoprire la violenza sessuale un residente di zona. Indagini dei Carabinieri

Una insegnante inglese è stata violentata sabato 6 ottobre in via del Verano, nel quartiere San Lorenzo di Roma, finito nelle prime pagine delle cronache della Capitale per la morte di Desirée Mariottini dopo ore di abusi sessuali. La notizia è uscita solamente in queste ore per permettere agli inquirenti di gettare le basi per le indagini. A raccontare i fatti, ai Carabinieri, è stata la stessa vittima che ha riconosciuto il suo aggressore con un riconoscimento fotografico. Sulle sue tracce ci sono i militari dell'Arma. 

I fatti. Tutto è successo nel parcheggio che dista pochi metri dal cimitero del Verano. Un residente di zona, in compagnia di sua moglie, stava rientrando a casa quando ha visto una scena che non ha lasciato spazio ai dubbio: un uomo stava tenendo bloccata una donna che cercava di divincolarsi, mentre la costringeva ad avere un rapporto sessuale violento. 

L'aggressore si è quindi ricomposto si è avvicinato ai due coniugi provando a giustificarsi: "E' la mia fidanzata", ha detto. Ma non era così. Quindi è fuggito via. Immediato il primo soccorso alla vittima e la chiamata al Numero Unico per le Emergenze. La giovane, risultata essere una 30enne inglese, in Italia da pochi giorni, è stata portata al policlinico Umberto I.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Qui, dopo aver ricevuto le cure mediche e il supporto psicologico, ha denunciato il fatto ai Carabinieri di San Lorenzo. Le indagini, che con i rilievi fatti in via del Verano e l'acquisizione delle immagini di video sorveglianza, hanno permesso ai militari di individuare un sospettato. L'immagine dell'uomo è stata vista anche dalla 30enne inglese, arrivata a Roma per cercare lavoro come insegnante, che lo ha riconosciuto. Da quel giorno, l'aggressore di origini africane, è irreperibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Castel Sant'Angelo, in bilico sul cornicione del ponte a tre metri dal Tevere

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento