Omicidio Fabrizio Piscitelli, striscione per Diabolik al Colosseo. I tifosi della Roma ammainano gli stendardi

L'omicidio dei uno capi storici della curva della Lazio ha scosso il mondo ultras

Il mondo ultras è in lutto. La morte efferata di Fabrizio Piscitelli, noto come Diabolik, ha scosso la Curva Nord della Lazio e non solo. Nella notte, davanti al Colosseo, è stato affisso lo striscione 'Diablo vive' a firma degli Irriducibili. A stenderlo, sul Ponte degli Annibaldi, cinque ragazzi intorno alle 4:20 del mattino di oggi, 8 agosto. 

Sul posto la polizia con gli agenti del commissariato Celio che hanno intimato al gruppo di togliere la scritta. I cinque hanno così riavvolto lo striscione omaggio dopo aver fatto uno scatto fotografico commemorativo.

Chi era Fabrizio Piscitelli, il Diabolik storico ultrà della Lazio

Nel frattempo, ieri, i tifosi della Roma he avevano scelto di passare un mercoledì d'agosto allo stadio Curi per assistere all'amichevole contro il Perugia, hanno deciso di rendere omaggio allo storico rivale laziale: niente striscioni esposti. Una forma di rispetto all'avversario morto, anche se logiche di tifo non hanno alcuna relazione con l'omicidio.

Chi ha ucciso Diabolik? Caccia al killer vestito da runner

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento