Cronaca

Un colpo ogni due giorni: a Roma rapine in banche in aumento

A dirlo è l'osservatorio nazionale Fiba Cisl. In Italia ci sono il 50% dei furti europei. Rapine in aumento anche a Rieti. Santori: "Dati diversi quelli della questura"

In Italia si conta il 42% delle rapine in banche che avvengono in tutta Europa. Il dato è dell'osservatorio nazionale Fiba Cisl, la federazione italiana bancari e assicurativi ed è stato reso noto durante un convegno tenutosi a Roma sul tema 'Il rischio rapina, un nuovo orizzonte per la sicurezza in banca".

RAPINE - Secondo il rapporto, le rapine negli istituti di credito nel 2009 sono diminuite del 12,2% rispetto al 2008 ma, delle 4.150 avvenute nelle banche europee, ben 1.744 sono avvenute in Italia: la percentuale sarebbe infatti del 42%, ma in realtà è più alta visto che in alcune realtà il fenomeno ha una incidenza più elevata. Tra le zone dove il fenomeno si verifica più spesso ci sono Pescara, Napoli, Milano, Torino, Perugia e Verona. Altri significativi aumenti si registrano anche a Lecce, Sassari e Treviso.

NEL LAZIO - A crescere è anche la percentuale delle rapine avvenute nel Lazio. Qui infatti si verifica quasi una rapina in banca ogni due giorni. Nella capitale nel 2009 c'è stato un aumento del 23 per cento. L'unica altra provincia a riportare il segno positivo è Rieti con il 30% di rapine in più.

Ma l'inizio del 2010 non è affatto più incoraggiante. Nei primi tre mesi dell'anno l'area metropolitana di Roma segna un +10%, per un totale di 161 casi nel 2009. Il tutto senza contare che con l'arrivo della stagione estiva le rapine tendono ad aumentare dal momento che le città e le strade sono meno frequentate e permettono ai malviventi vie di fuga più agevoli.

SANTORI NON CI STA - "E' necessario fare piena chiarezza sui dati relativi alle rapine in banca nella città di Roma, per evitare di creare inutili allarmismi nella cittadinanza e vanificare lo sforzo dei tutori dell'ordine". Così Fabrizio Santori, consigliere comunale del Pdl e presidente della commissione sicurezza, interviene sulla questione dell'Italia-Ladrona.

"I risultati ottenuti sono il frutto dell'efficacia dei continui controlli da parte delle forze dell'ordine e della presenza dei vigilantes, così come dei monitoraggi attraverso sofisticati sistemi di video-sorveglianza che consentono l'identificazione e cattura del rapinatore in tempi brevi. Resta però il fatto che la sicurezza e l'incolumità dei lavoratori devono essere maggiormente tutelate - osserva Santori - dal momento che il fenomeno delle rapine in banca evidenzia un calo inferiore rispetto a quello registrato in altri settori nonostante gli avanzati sistemi di protezione all'ingresso degli uffici."
Secondo l'assessore Santori emerge dunque "la necessità di un'analisi più approfondita per studiare ulteriori forme di controllo degli istituti di credito, per esempio attraverso il loro inserimento nel circuito di telecamere della Sala sistema Roma, rafforzando l'azione di prevenzione da parte delle forze dell'ordine e scoraggiando quindi i malviventi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un colpo ogni due giorni: a Roma rapine in banche in aumento

RomaToday è in caricamento