rotate-mobile
Cronaca Acilia / Piazza Eschilo

"Sporco negro": due stranieri sequestrati, picchiati e rapinati dal branco. Sei arresti, tra loro anche una donna

I sei sono ritenuti responsabili di rapina in concorso, lesioni, sequestro di persona multiplo ed estorsione in danno di due stranieri residenti in Italia

"Sporco negro di merda, se non ci porti l'amico tuo ti ammazziamo". Questa è una delle minacce che il branco, composto da cinque giovani ragazzi di Ostia, Acilia e Ostia Antica e una ragazza del Torrino hanno rivolto a due giovani stranieri, due amici - uno del Bangladesh e uno della Romania - di Casal Palocco attirati in una trappola, tra insulti a sfondo razziale e minacce di morte, sfociata poi in un pestaggio con tanto di sequestro di persona.

Una storia di violenza con le vittime, i due ragazzi di ventitre anni, picchiati a sangue un po' per vendetta, un po' noia e un po' per soldi. A ricostruire quanto successo sono stati gli agenti della Polizia di Stato del X Distretto Lido di Roma, che questa mattina hanno notificato 6 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Tribunale di Roma, nei confronti del branco. I cinque ragazzi e la giovane donna, tutti tra i 20 e i 25 anni, sono stati ritenuti responsabili di "rapina in concorso, lesioni, sequestro di persona multiplo ed estorsione".

Tutto ha inizio la notte dell’11 luglio 2020, quando due della banda avvistano il bengalese, che fa il giardiniere tra Axa e Palocco, camminare vicino piazza Eschilo. Per "futili motivi", viene raggiunto e pestato, ma scappa chiedendo aiuto all'amico, il romeno anche lui 23enne, muratore, che lo difende. Quando la polizia arriva sul posto, gli italiani (uno lievemente ferito) danno la colpa agli stranieri, ma qualcosa non torna. Le indagini, appena iniziate, e le immagini delle telecamere li smentiscono fin da subito. Neanche due giorni dopo, infatti, il branco degli italiani organizza la vendetta. La trappola è un appuntamento su Instagram per quello che sarebbe dovuto essere un incontro chiarificatore con il bengalese. 

L'incontro, però, è una scusa per far pagare l'affronto. Al falso appuntamento si presenta il branco. Il gruppo aggredisce il 23enne giardiniere, caricandolo a forza in auto e insultandolo: "Sporco negro di m....". Poi lo pestano, gli rubano cellulare e la collanina da 600 euro. Quindi lo picchiano ancora, minacciandolo: "Se non ci porti l’amico tuo ti ammazziamo", obbligandolo così ad attirare nella trappola anche l'amico romeno. 

Pure per lui il "trattamento" è lo stesso. Il pestaggio, anzia, è anche più cruento, questa volta con una spranga di ferro. A lui rubano la tv, il cellulare e un impianto stereo che in casa. Non contenti, il branco ruba anche la Postepay che però è vuota e così lo minacciano, dicendo che sarebbero tornati per prendersi 400 euro. I due amici, feriti e doloranti, vengono rilasciati e chiamano subito la polizia con gli investigatori di Ostia che, grazie alle denunce e alle immagini delle telecamere di sorveglianza della zona, ricostruiscono il fatto.

Secondo gli inquirenti i sei, che non hanno nessun collegamento con la criminalità organizzata, spiccano per "pericolosità" tant'è che dalle indagini si evidenzia una "violenza e spregiudicatezza criminale ben superiore a qualunque ragionevole considerazione", così come emerge anche una "inequivocabile pericolosità sociale" degli arrestati. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sporco negro": due stranieri sequestrati, picchiati e rapinati dal branco. Sei arresti, tra loro anche una donna

RomaToday è in caricamento