Spari alla Marranella, il tassista ferito da un trafficante di shaboo

L'uomo, un 31enne, è stato arrestato dalla polizia per tentato omicidio e detenzione abusiva di arma da sparo

La polizia in via Zenodossio (foto A.G.)

È un trafficante di shaboo, la cosiddetta "droga dei kamikaze", il cittadino cinese che nel pomeriggio di sabato ha sparato alla Marranella ad un tassista che si era rifiutato di portarlo a Firenze. Trentuno anni, con precedenti specifici per il traffico di sostanze stupefacenti, l'uomo è stato arrestato dalla polizia di Stato con le accuse di tentato omicidio, detenzione abusiva di arma da sparo e munizionamento, resistenza e minacce a pubblico ufficiale. 

A scuotere il sabato pomeriggio del popoloso quartiere della periferia sud est della Capitale era stato un colpo di pistola, esploso dal 31enne orientale all'indirizzo di un tassista di 38 anni. Un colpo secco che ha trapassato la mano del conducente del taxi dopo che lo stesso aveva avuto una colluttazione con il possibile cliente. 

A determinare la reazione del passeggero il rifiuto da parte del tassista di accompagnarlo a Firenze da Roma. Da qui la lite verbale con il cittadino cinese che ha poi estratto una pistola e, senza esitazione, l'ha puntata contro il 38enne sparandogli contro. Poi la fuga a piedi, in direzione via della Marranella

Allertata la polizia da decine di telefenate, gli agenti delle Volanti e del Commissariato Prenestino sono intervenuti in via Zenodossio dove hanno trovato il tassista ferito. Soccorso dall'ambulanza del 118 il 38enne, nato a Napoli ma residente nella Capitale da anni, è stato trasportato all'ospedale Vannini con 30 giorni di prognosi. 

Raccolte le prime testimonianze i poliziotti hanno da subito cominciato le ricerche del fuggitivo. 

La caccia all'uomo è finita in poco tempo, quando in via Attilio Zuccagni Orlandini, il fuggitivo è stato fermato dalla polizia. Ritrovata anche la pistola utilizzata per il ferimento del tassista, una Beretta calibro 7.65. Sequestrata l'arma, la stessa è stata sottoposta ad accertamenti balistici per vedere se sia stata usata in altri episodi criminosi. 

Arrestato il 31enne, gli agenti stanno indagando per cercare di comprendere il motivo per il quale il cittadino cinese volesse andare nel capoluogo toscano con una pistola. Già conosciuto alle forze dell'ordine per traffico di shaboo, gli investigatori stanno proseguendo le indagini proprio nel giro della "droga dei kamikaze", molto diffusa in Cina, Corea e nelle Filippine.

Proprio nel versante sud est della Capitale le forze dell'ordine hanno effettuato nel corso degli anni migliaia di sequestri ed arresti per il traffico di "Shabu"  anche detto "Ice" e "Crystal Meth". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Coronavirus, a Roma 1306 nuovi casi. D'Amato condanna: "Assurde le scene viste nei centri commerciali"

Torna su
RomaToday è in caricamento