Sparò tre colpi di pistola contro un avvocato, condannato per tentato omicidio

"Le somme dei risarcimenti verranno devolute interamente a scopi sociali e ad associazioni di volontariato", rende noto attraverso il sito istituzionale il Presidente dell'Ordine di Tivoli, David Bacecci

È stato condannato dal Gup di Perugia a 8 anni con rito abbreviato per tentato omicidio, aggravato dalla premeditazione, l'uomo che il 24 ottobre del 2019 sparò diversi colpi di pistola all'Avvocato Antonio Di Silvestro, difensore della sua controparte in una lite civile.

Una sentenza che per la prima volta riconosce il risarcimento del danno subito anche dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Tivoli e dall'Unione degli Ordini Forensi del Lazio, che in questo processo hanno voluto tutelare l'indipendenza dell'avvocatura tutta quale presidio indispensabile di libertà e democrazia. 

"Le somme dei risarcimenti verranno devolute interamente a scopi sociali e ad associazioni di volontariato - rende noto attraverso il sito istituzionale il Presidente dell'Ordine di Tivoli, David Bacecci - La costituzione di parte civile da parte nostra è servita per esprimere la vicinanza e la solidarietà al Collega ma anche, e soprattutto, per ribadire l’inviolabilità della funzione difensiva, oltre che l'autonomia e la libertà dell’Avvocatura".

Sul caso, rinnovando la solidarietà al collega, interviene anche Antonino Galletti, Presidente dell'Ordine Distrettuale di Roma: "Il riconoscimento da parte del GUP della costituzione di parte civile per gli Ordini Forensi e la successiva liquidazione del danno - commenta Galletti - ribadiscono un principio che spesso si tende a dimenticare: la funzione indispensabile dell'avvocato nel processo, quale presidio di legalità a garanzia dei diritti dei cittadini. Una funzione che, noi avvocati ce lo auguriamo vivamente, presto il legislatore vorrà inserire in Costituzione, come richiesto a gran voce da tutto il mondo forense da anni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Chi è Manolo Gambini il detenuto evaso da Rebibbia dopo aver scavalcato la recinzione

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento