Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca Finocchio / Via Casilina, 1790

Affronti personali, la rissa davanti la sala slot e gli spari: il far west de La Borghesiana. Il racconto

La domenica di follia in via Casilina 1790 è iniziata con una lite. Poi l'incidente e i tre colpi di pistola sparati

Quattro auto incidentate, una Smart, una Fiesta, una Panda e una Golf, sparse in diversi punti di via Casilina, tre bossoli di pistola, poche chiazze di sangue sull'asfalto, tre persone soccorse da personale del 118 (tutte denunciate) e una fermata con l'accusa di tentato omcidio.

E' il bilancio degli spari che ieri mattina hanno movimentato la mattinata di via Casilina, all'altezza de La Borghesiana. Una domenica iniziata in realtà all'alba e che, secondo i contorni delineati dal racconto dei testimoni, farebbe assumere alla vicenda dimensioni lontane da una lite stradale.

Uno scontro che nasce da una aggressione davanti una sala slot di zona. A raccontarlo sono i testimoni che descrivono, con particolari, i fatti. Tutto inizia poco dopo le 6 del mattino. Si sentono le prime urla. I pochi residenti svegli all'alba di domenica 22 luglio si affacciano e vedono alcuni uomini litigare

Almeno tre. Uno di loro è un dipendente della sala slot, gli altri due i clienti che insistevano per entrare nel locale in quell'insolito orario. Al probabile diniego del lavoratore è così scattata una aggressione. 

Uno dei due ha colpito con un pugno al volto il dipendente del locale lasciandolo sull'asfalto sanguinante. Gli aggressori, quindi, si sono allontanati dal locale, ma non troppo. Poco più tardi, intorno alle 10, stando ai testimoni sul posto è giunto un parente dei proprietari del locale. 

Una volta trovati i due violenti ne è quindi nata una prima discussione sfociata in rissa dove, secondo chi ha assistito alla scena, uno dei proprietari della sala slot armato di crick ha rincorso i due che, poco prima, avevano aggredito il dipendente. La vendetta fai da te, tuttavia, ha generato una esclalation di violenza con tentativi di investimento, colpi a mani nude e con oggetti contundenti andati a segno e l'arrivo di rinforzi da entrambe le parti. 

Il culmine quando un quarto uomo sopraggiunto successivamente ha esploso tre colpi di pistola contro la fiancata di una Smart. Il tutto poco prima delle 11 del mattino. L'ennesimo segnale d'allarme che ha fatto giungere sul posto gli agenti del reparto Volanti della Polizia. 

Lo scenario che si sono trovati davanti era quello di una scena di un film con auto incidentate e bossoli di pistola. Le indagini lampo dei poliziotti hanno permesso di ricostruire il quadro, determinare che nessuno fosse rimasto ferito dai colpi di arma da fuoco e arrestare l'uomo che ha sparato con la pistola, rinvenuta e sequestrata poco dopo. E' finita così la folle domenica alla Borghesiana. Non una discussione per motivi di viabilità, ma un tentativo di vendetta terminato con le manette ai polsi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Affronti personali, la rissa davanti la sala slot e gli spari: il far west de La Borghesiana. Il racconto

RomaToday è in caricamento