Far west a Fiumicino, si costituisce l'aggressore: "Mi doveva dei soldi"

Un 54enne italiano domenica aveva sparato al volto di un 32enne. Braccato dalla polizia, ha preferito costituirsi. Ha detto di avere buttato la pistola

Si è presentato, intorno alle 14, di sua spontanea volontà al carcere di Regina Coeli e ha confessato di essere stato lui a fare fuoco contro un 32enne domenica scorsa a Fiumicino. L'uomo, un 54enne italiano, M.G., era già stato identificato dagli agenti del commissariato di Fiumicino, diretto da Filiberto Mastrapasqua, e sentendosi braccato, ha preferito non peggiorare ulteriormente la sua posizione, decidendo di costituirsi.

Da domenica ad oggi, ha vagato senza meta e non è mai tornato a Fiumicino. Attorno a lui, infatti, la polizia aveva fatto terra bruciata, contattatando e attenzionando amici e parenti. Il 54enne, con già altri precedenti per reati contro il patrimonio, ha confermato di conoscere la sua vittima ed ha reso alla polizia penitenziaria piena confessione, motivando il gesto come seguito di una lite con il 32enne che era in bici. La lite, però, non è dovuta a motivi stradali come ipotizzato in un primo momento. Inizialmente, infatti, si era pensato che il 32enne avesse graffiato l'auto del feritore e che da lì fosse partita la vendetta. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In realtà, secondo quanto riferito dal commissariato di Fiumicino, sarebbe stato lo stesso aggressore a confermare agli inquirenti che a motivare il folle gesto è stato un debito che il 32enne si rifiutava di saldare. Così, l'uomo ha impugnato la pistola e ha fatto fuoco contro il 'rivale'. Pistola poi buttata, come lo stesso 54enne ha confermato agli inquirenti. La vittima, miracolosamente illesa, avrebbe riconosciuto l'aggressore che è, al momento, trattenuto al carcere di Regina Coeli con l'accusa di tentato omicidio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

  • Ater, in vendita oltre 7mila case popolari dal Laurentino a San Basilio: ecco il piano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento