menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Pusher in cerca di clienti a San Lorenzo, fermato morde agente e si scaglia contro la polizia

Il 38enne è stato trovato in possesso di denaro, metanfetamina ed oppio

In strada a San Lorenzo in cerca di clienti uno spacciatore ha invece trovato sulla sua strada la polizia. E’ accaduto lunedì, quando i poliziotti della Squadra Mobile hanno notato una persona aggirarsi nella zona del quartiere universitario senza un apparente motivazione. Dopo una breve osservazione a distanza,  gli agenti hanno proceduto al controllo dello stesso, che si è mostrato da subito insofferente ed immotivatamente aggressivo nei confronti degli operatori. 

A quel punto i poliziotti hanno accertato che il 38enne, cittadino iraniano, con diversi precedenti di polizia, era in possesso di alcune migliaia di euro oltre che di un grammo di sostanza stupefacente del tipo metanfetamina.

Vistosi scoperto e non riuscendo a sottrarsi al controllo, l’uomo ha provato a colpire ripetutamente il capo sul manto stradale e, nel tentativo di bloccarlo, uno degli operatori ha subito un violento e perdurante morso ad una falange della mano, con successiva copiosa fuoriuscita di sangue.

Con non poca fatica il cittadino iraniano è stato bloccato per la propria ed altrui incolumità.

Una volta ricondotta la situazione alla calma, gli operatori si sono adoperati per rintracciare l’abitazione dello straniero e, nella successiva perquisizione domiciliare, hanno sequestrato ulteriori 14 grammi di metanfetamina (del tipo shaboo) oltre che 84 grammi di oppio.

Al termine dell’operazione l’uomo è stato arrestato per i reati di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale nonché per  spaccio di sostanze stupefacenti e sanzionato ai sensi della normativa per il contrasto alla diffusione del Covid-19.

Al termine del giudizio direttissimo, avvenuto in videoconferenza dagli uffici della Questura, lo stesso è stato condannato alla pena di 3 anni e 2 mesi di reclusione e tradotto presso la Casa Circondariale di Rebibbia.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento