Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca Piazzale Lorenzo Gasparri

La banda che spacciava crack e cocaina nell'appartamento Ater

Quattro arresti domiciliari e due minorenni in comunità è il bilancio dell'operazione

Un appartamento Ater base dello spaccio, vero e proprio negozio dove acquistare crack e cocaina. E' la scoperta fatta dai  Carabinieri della Compagnia di Ostia che hanno smantellato un gruppo criminale composto da 6 persone, di cui due minorenni, che aveva messo in piedi una vera e propria attività utilizzando l'alloggio assegnato regolarmente ad uno dei sei fermati. Quattro arresti domiciliari e due minorenni in comunità è il bilancio dell'operazione coordinata dal pool della Procura della Repubblica di Roma diretto dal Procuratore Aggiunto Dottor Giovanni Conzo.

Le indagini hanno accertato un’intensa attività di spaccio di crack e cocaina (cosiddetta “cotta” e “cruda”) svolta in concorso da tutti gli indagati, che utilizzavano come base operativa un appartamento di proprietà dell’ATER-Comune di Roma, assegnato ad una componente del gruppo criminale e situato a pochi passi dalla nota Piazza Gasparri di Ostia. 

OSTIA - L'operazione antidroga dei Carabinieri (3)-2

Grazie a numerosi servizi di appostamento ed all’utilizzo delle intercettazioni video e ambientali, è stato documentato un frenetico “via-vai” di acquirenti che, attraverso dei messaggi convenzionali, richiedevano la sostanza stupefacente allo spacciatore di turno posizionato (a rotazione con gli altri indagati) dentro l’appartamento e questi, protetto da una fitta rete di “vedette” (munite anche di monopattini) e da un sistema di videosorveglianza, cedeva lo stupefacente, a seconda della richiesta, in “decini”, “quindicini” e “ventini”, attraverso la grata di protezione della porta d’ingresso.

Durante le indagini i Carabinieri hanno tratto in arresto sei persone in flagranza di reato, segnalato molteplici acquirenti alla Prefettura di Roma quali assuntori di sostanze stupefacente e sottoposto a sequestro complessivamente circa 254 gr di cocaina, con un grado di purezza che arrivava anche al 98%.

Contestualmente è stato eseguito il decreto di sequestro dell’appartamento adibito a market della droga per la successiva riconsegna all’ente proprietario, al fine di effettuare le opportune valutazioni circa la sua destinazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La banda che spacciava crack e cocaina nell'appartamento Ater

RomaToday è in caricamento