rotate-mobile
Cronaca

B1: operatore sospeso. Difetto al deviatoio: "Ci stiamo lavorando"

I treni circolano regolarmente dopo l'ora di blocco di questa mattina. L'operatore assente è stato sospeso ma il deviatoio rimane difettoso. L'azienda Ansaldo che l'ha fornito: "Soluzione entro metà luglio"

Un operatore va in ferie, non lo comunica, e il sistema si inceppa. In estrema sintesi è quanto avrebbe causato questa mattina l'ennesimo blocco della metro B1, con conseguente corollario di disagi e polemiche. L'errore però sarebbe a monte e, a ben vedere, la presenza del dipendente sarebbe servita proprio a sopperire a un malfunzionamento tecnico, quello del deviatoio. In altre parole si è trattato di un guasto nel punto di scambio con la linea B causato, a quanto si apprende dall'agenzia Ansa, da un problema di software già conosciuto e, proprio per questo, monitorato.  

Il lavoratore era lì temporaneamente, o almeno doveva esserci, per volere dell'azienda, e addetto, in caso di guasto, ad azionare il telecomando e attivare il deviatoio. Sempre a quanto appreso, l'Ansaldo, la società che ha fornito i deviatoi, sta lavorando per risolvere il problema al software, che dovrebbe essere pienamente efficiente per metà luglio. Nel frattempo, ma questa è un'altra questione, il "latitante", che pare fosse "in ferie non autorizzate", è stato sospeso.   

A comunicarlo è l'assessore ai trasporti del Comune di Roma, Antonello Aurigemma, in un'intervista a Teleradiostereo. "Da un'indagine portata avanti da Atac si è appurata la mancanza, per l'ennesima volta, di un responsabile di stazione, che doveva essere presente al nodo di scambio Conca d'Oro-Bologna. L'azienda ha preso provvedimenti nei confronti della persona come già fatto in passato", ha aggiunto. "La persona ha comunicato che andava in ferie senza nessun tipo di autorizzazione, e l'azienda ci ha confermato che le ferie richieste, erano state respinte perchè non rientravano nel piano ferie -ha precisato Aurigemma- Non ha forzato nulla, ha semplicemente fatto una cosa che non poteva fare, soprattutto se si lavora in un settore delicato come quello del trasporto pubblico. L'azienda sta prendendo i provvedimenti disciplinari del caso".

LA COMMISSIONE - Detto questo i problemi non sono riducibili obiettivamente all'episodio odierno nè, tanto meno, al comportamento di un singolo dipendente. Sono infatti settimane che la neonata B1 registra ritardi, disagi e blocchi improvvisi. Motivo per cui il sindaco Alemanno, in seguito a un sopralluogo effettuato nelle stazioni, ha convocato una Commissione tecnica di accertamento il cui compito sarà quello di individuare le cause dei reiterati malfunzionamenti e di individuare possibili rimedi e interventi correttivi al fine di garantire la piena regolarità del servizio di trasporto pubblico, così da evitare il protrarsi dei disagi per gli utenti.


La Commissione potrà direttamente accedere a tutti gli atti in possesso dell’Amministrazione capitolina, delle Società dalla medesima partecipate, nonché di tutti i soggetti esecutori e gestori delle opere e servizi comunque collegati alle linee della Metropolitana B e B1, i quali assicureranno l’immediata messa a disposizione degli atti richiesti nonché forniranno tutte le informazioni necessarie per l’espletamento dell’incarico. La Commissione, che riferisce direttamente al Sindaco e che opera a titolo gratuito, dovrà ultimare i propri lavori entro quindici giorni. Al termine dei lavori, la Commissione consegnerà una relazione dettagliata sull’attività svolta. Lo comunica l’Ufficio Stampa del Campidoglio.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

B1: operatore sospeso. Difetto al deviatoio: "Ci stiamo lavorando"

RomaToday è in caricamento