Banconote false a Tor Bella Monaca: scovata la banda. Sequestrati 20.000 euro finti

Acquistavano merce di poco valore in modo da ricevere il resto in denaro "pulito". Sequestrate nel villino in cui convivevano circa 20 mila euro e una pistola con silenziatore

Sono tutti italiani e già noti alle forze dell'ordine i due uomini, 31 e 41 anni, e la donna, di 29, arrestati dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Frascati con l'accusa di introduzione nello Stato di monete falsificate, detenzione e porto abusivo di armi e munizionamento in concorso. I tre erano soliti smerciare banconote da 50 euro contraffatte nei servizi commerciali di Tor Bella Monaca.

I COLPI - Ad incastrare i tre sono state le segnalazioni di alcuni commercianti della zona che avevano riferito di aver ricevuto, da clienti sconosciuti, delle banconote da 50 euro contraffatte riportanti tutte lo stesso numero seriale. Immediato l'intervento dei militari che, durante una serie di servizi preventivi, hanno rintracciato e fermato i tre italiani mentre uscivano da un bar della zona. Durante la perquisizione, i tre sono stati trovati in possesso di 500 euro, gruzzolo formato da banconote da 50 euro ancora una volta contraffatte.

20 MILA EURO IN BANCONOTE CONTRAFFATTE - Dalle successive indagini è emerso che i malviventi avevano già smerciato le banconote false in altri negozi della zona, acquistando merce di poco valore in modo da farsi consegnare dai commercianti il resto in denaro "pulito". Durante la perquisizione domiciliare nel villino in cui i tre convivevano sono state trovate dietro una trave in legno di una parete circa 20 mila euro in banconote contraffatte, perlopiù del taglio da 50 euro a cui si aggiunge il ritrovamento di una pistola semiautomatica con matricola abrasa, dotata di un silenziatore e numerose munizioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ANALISI BALISTICA - Sono tuttora in corso le indagini per verificare se l'arma possa essere o meno collegata ad eventi criminosi nella periferia Sud-Est della Capitale, motivo per cui verrà inviata al più presto agli esperti di balistica del R.I.S. di Roma affinché venga sottoposta alle analisi di laboratorio. Intanto i tre malviventi sono stati portati nel carcere di Rebibbia, dove rimarranno a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento