rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca

'Controllo a vista' sui bus Cotral: "In 6 mesi introiti per 3 milioni di euro"

I numeri snocciolati dal presidente di Cotral Spa Domenico De Vincenzi: "L'iniziativa si sta sviluppando in un secondo modulo che mira a intervenire sull'aspetto culturale della problematica dell'evasione tariffaria"

Soldi sonanti. Esattamente tre milioni di euro. Questo quanto guadagnato da Cotral Spa che da sei mesi ha avviato l'iniziativa 'Controllo a vista", per contrastare il fenomeno dell'evasione tariffaria. A dare i numeri il presidente Domenico De Vincenzi: "Il dato, accertato e contabilmente documentato ai primi due mesi di attività rispetto all'anno precedente, si riferisce alla vendita dei titoli di viaggio Cotral e Metrebus ed é ulteriormente riscontrabile per l'Azienda attraverso il numero di obliterazioni che hanno registrato un incremento di 50mila vidimazioni al mese, anche durante il mese di luglio, quando cioè l'utenza non é scolastica".

INTROITI - Presidente di Cotral Spa che specifica: "I numeri di tale attività, il cui coordinamento é affidato al consigliere di amministrazione Paolo Toppi, smentiscono, pertanto, le voci di un danno erariale visto che si registrano introiti importanti sulle vendite dei titoli di viaggio in soli due mesi, verosimilmente destinati ad aumentare proporzionalmente allo svolgimento dei controlli in tutto il territorio regionale, così come predisposto nella pianificazione che, lo ricordiamo, prevede anche il coinvolgimento delle forze dell'ordine. Nel contempo, sottolineamo che l'Azienda con "Controllo a vista" sta affrontando il fenomeno dell'evasione tariffaria con un coordinamento specifico e mirato che tocca progressivamente tutte le quattro direttrici Cotral che consiste sia nell'impiego di personale verificatore, sia nel coinvolgimento degli autisti per l'accertamento delle violazioni da parte dell'utenza".

AUTISTI E VERIFICHE - Un'azione che proseguirà nei prossimi mesi come spiega ancora Domenico De Vincenzi: "A questo proposito, sono già circa 800 gli autisti di Cotral impegnati anche nell'attività di verifica, mentre é aperto il dialogo con le sigle sindacali aziendali affinché tutti gli operatori d'esercizio siano abilitato alla verifica, come peraltro previsto nel contratto di lavoro nazionale degli autoferrotramvieri. Parallelamente, "Controllo a vista" si sta sviluppando in un secondo modulo che mira a intervenire sull'aspetto culturale della problematica. Cotral Spa, nella convinzione di ottenere risultati maggiori a lungo termine, ha avviato la collaborazione con alcuni istituti scolastici del territorio, al fine di sensibilizzare i giovani, che rappresentano una buona percentuale dell'utenza, al corretto uso del mezzo pubblico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Controllo a vista' sui bus Cotral: "In 6 mesi introiti per 3 milioni di euro"

RomaToday è in caricamento