rotate-mobile
Cronaca

Sigarette dall'est Europa, così volevano vendere 2200 pacchetti di "bionde" senza permessi

I tabacchi illeciti sono stati trovati abilmente nascosti all'interno dei bagagli al seguito di due passeggeri

Volevano portare a Roma sigarette di contrabbando, dall'est Europa. Grazie anche a un'accurata analisi di rischio nell'ambito del servizio di controllo viaggiatori, basata sull'incrocio delle informazioni presenti nelle banche dati disponibili, i funzionari dell'agenti della Dogane e i militari della Guardia di Finanza, hanno impedito l'introduzione nel territorio nazionale dell’equivalente di 2.243 pacchetti di sigarette illegali.

Nello specifico, i tabacchi illeciti sono stati rinvenuti abilmente occultati all'interno dei bagagli al seguito di due passeggeri di nazionalità lettone e di un passeggero di nazionalità moldava, i quali sono stati denunciati a piede libero. Le sigarette illegali, sequestrate perché prive del contrassegno di Stato, ammontavano complessivamente a 44,860 chili e riportavano sia marchi normalmente in consumo nel territorio nazionale (Marlboro, Winston e L&M), sia marchi cosdietto "cheap white" (Regina, Fast, D&B, Golden Virginia, Amber Leaf) che non possono essere venduti in Italia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sigarette dall'est Europa, così volevano vendere 2200 pacchetti di "bionde" senza permessi

RomaToday è in caricamento