Cronaca Centro Storico / Piazza del Popolo

LETTORI - In discussione la sicurezza: derubata minorenne al pincio

La lettera di un lettore: "Bisogna rendere i parchi e le strade di roma più sicuri attraverso una maggiore sorveglianza"

Roma, Parco del Pincio ore 10:00

Una coppia di ragazzi, Aurora e Simone, sono tranquillamente seduti su una delle panchine del Pincio, in cerca di un po' di riparo dalla calura di questa estate da record.

un ragazzo piu' o meno loro coetaneo, si avvicina fingendosi sordomuto e chiede a gesti molto eloquenti un contributo e una firma per l'acquisto di una fantomatica apparecchiatura da destinare ad un istituto di sordomuti.

La ragazza, avvezza alla raccolta di firme, poichè facente parte di una associazione fa presente subito di essere minorenne, ma il fantomatico sordomuto, che non parla ma si fa intendere e intende perfettamente, insiste imperterrito, e appoggia la cartellina sulle gambe della ragazza.

La borsa è appoggiata al suo fianco, ma pur essendo sospettosa, non si acorge che insieme alla sua cartellina, il furfantello sfila dalla tasca della borsa anche il telefono cellulare e si allontana velocemente.

Quando dopo qualche secondo Aurora e Simone si accorgono del furto, cercano invano un vigile, un carabiniere a cavallo, una pattuglia, qualcuno a cui denunciare l'accaduto. Nessuno in vista.

Per fortuna Simone ha in tasca il suo cellulare e riesce ad avvertirmi.

E' andata bene, non si è fatto male nessuno, tranne il portafogli di chi dovrà riacquistare il cellulare (ovviamente la sottoscritta)

Ma possibile che non si riesca a tutelare la sicurezza dei nostri figli e l'immagine della nostra città? Che figura facciamo con i turisti, nostra piu' importante risorsa, che si trovassero a subìre la stessa avventura?

E come possono questi elementi girare indisturbati a chiedere firme e soldi (e li ottengono anche, visto che sul foglio erano segnati contributi anche di 10 euro) senza che nessuno gli chieda un'autorizzazione o un permesso?

Se una qualsiasi associazione si permettesse di chiedere anche solo un autografo, senza aver avuto a che fare con carte bollate e burocrazia, passerebbe seri guai.

Il degrado di Roma, non lo fanno i centurioni al colosseo, ma questa flotta di piccoli ladruncoli che agiscono indisturbati in ogni luogo.

Specialmente in questo periodo occorre alzare la guardia ed aumentare la sorveglianza.

E' tempo di cambiare davvero!!!

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LETTORI - In discussione la sicurezza: derubata minorenne al pincio

RomaToday è in caricamento