rotate-mobile
Cronaca Torre Maura / Via delle Averle

Sgomberato il "Centro sociale Torre Maura occupata". Polizia nello squat degli anarchici

Era occupato da 32 anni. L'immobile di proprietà del comune di Roma è destinato alla Asl Roma 2

Sgomberato all'alba il centro sociale Torre Maura occupata, squat anarchico occupato da 32 anni in via delle Averle. Il blitz della polizia alle prime luci dell'alba. L'immobile, di proprietà del comune di Roma, era stato occupato dagli anarchici nel 1992. Allontanati gli occupanti, secondo quanto si apprende non ci sarebbero state criticità con le operazioni. 

I luoghi dell'anarchismo romano 

Lo sgombero è stato deciso in prefettura dal comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica. Lo stabile di via delle Averle è destinato, nell'ambito dei progetti del Pnrr, a diventare un presidio sanitario della Asl Roma 2 per gli utenti del VI municipio delle Torri.

Sul posto in ausilio alla polizia gli agenti del VI gruppo Torri della polizia locale di Roma Capitale impegnati nel recuperto di alcuni veicoli abbandonati nell'area dello sgombero.

Sgombero Torre Maura occupata

Il presidente del municipio VI delle Torri

L'operazione della polizia ha trovato il commento del presidente del VI municipio delle Torri Nicola Franco: "Questa mattina alle 6, con l'ausilio degli agenti della polizia di Stato del distretto Casilino Nuovo, diretto dal dottor Massimo Marino, sono finalmente tornati in possesso del municipio VI delle Torri di Roma i locali occupati di via delle Averle, Torre Maura. Erano 32 anni che gli anarchici insurrezionalisti occupavano abusivamente quei locali, usandoli persino come base operativa per le loro attività criminali, come accertato dalle numerose indagini svolte dagli inquirenti nel passato. Ora, invece degli anarchici, siamo pronti a dare una Casa della Salute ai cittadini". 

"Denunciati due occupanti"

Presidente del municipio di viale Duilio Cambellotti che prosegue: "Nell'interno dei locali sono stati trovati e denunciati due occupanti, sia per occupazione abusiva che per allacci abusivi, rubando loro energia elettrica e acqua agli onesti cittadini del quadrante di Torre Maura. A breve, partiranno i lavori di riqualificazione- porsegue Franco -. Il municipio VI, promotore attraverso la prefettura di questo sgombero, ora intende concedere i locali alla Asl Roma 2 e al Distretto 6 affinché sia realizzata una Casa della Salute, con ambulatori, un consultorio familiare e un ambulatorio pediatrico, di cui fino ad oggi il municipio era privo. Nel passaggio di Torre Spaccata al municipio VII, il nostro territorio perdeva questi servizi socio-assistenziali". 

"Lo Stato vince sempre" 

"Grazie all'azione della nostra amministrazione, finalmente i cittadini torneranno ad avere l'assistenza sanitaria necessaria - conclude Nicola Franco -. Devo ringraziare per questo immenso e strepitoso risultato in primis il prefetto di Roma, dottor Lamberto Giannini, il questore, dottor Carmine Belfiore, le forze dell'ordine tutte e, in ultimo ma non per minore importanza, il dottor Nicola Porro e tutta la redazione di Quarta Repubblica. Lunedì 29 aprile ero stato infatti invitato in trasmissione a parlare di questa vergogna e dopo appena sette giorni siamo riusciti a dare una risposta immediata. Oggi abbiamo dimostrato che lo Stato c'è. Lo Stato vince. Sempre". 

"Nascerà una casa della salute"

"Voglio ringraziare il prefetto di Roma, Lamberto Giannini, il questore, Carmine Belfiore, il presidente del municipio VI, Nicola Franco, e tutte le forze dell'ordine che questa mattina hanno partecipato all’operazione che ha portato allo sgombero dei locali dell'immobile di via delle Averle, a Torre Maura - dichiara il presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca - .Ora, quello spazio che era stato abusivamente occupato, diventerà una Casa della Salute a disposizione di tutti i cittadini. Il ripristino della legalità nei luoghi più complessi delle periferie è, e resterà, una priorità della nostra amministrazione".

Bene sgombero ex sede municipio VI

Soddisfazione è stata espressa anche dal senatore di Fratelli d'Italia Marco Scurria che in una nota stampa dichiara: "Dopo 32 anni di occupazione da parte degli anarchici insurrezionalisti, sono tornati in possesso del municipio VI delle Torri di Roma i locali occupati di via delle Averle, nel quartiere Torre Maura. Per anni quegli spazi sono stati usati abusivamente come base operativa per attività illecite e criminali. Finalmente, si pone fine all’illegalità e si dimostra che quando si vuole le cose si possono fare, facendo tornare nelle mani dello Stato e quindi dei cittadini spazi pubblici da destinare a servizi sociali per il territorio”. Senatore Fdi che aggiunge: "L’ex sede municipale infatti sarà ora adibita a Casa della Salute, con ambulatori, un consultorio familiare e un ambulatorio pediatrico, di cui fino a oggi il municipio ha dovuto fare a meno. Complimenti - conclude Scurria - al presidente del Municipio VI, Nicola Franco, alla sua amministrazione e alle forze di polizia, per il lavoro svolto e per aver dato una risposta concreta al territorio e ai suoi cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgomberato il "Centro sociale Torre Maura occupata". Polizia nello squat degli anarchici

RomaToday è in caricamento