Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

Torre Maura: vendeva "botti" illegali in un palazzo vicino all'ospedale, denunciato

Il 52enne commerciava gli artifizi pirotecnici con annunci su internet. Trecentotrentasei i chili sequestrati dalla Guardia di Finanza

Contrasto ai "botti" illegali. E' quanto stanno mettendo in atto in questi giorni precedenti la notte di Capodanno i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma nell’ambito del costante controllo economico del territorio, orientato in particolare, in questi ultimi giorni dell’anno, al contrasto degli artifizi pirotecnici vietati. Il colpo maggiore in uno scantinato di un palazzo vicino al Policlinico Casilino, a Torre Maura dove, in spregio di qualsiasi elementare norma di sicurezza e ponendo seriamente a rischio l’edificio e i suoi occupanti, un 52enne italiano deteneva illecitamente 336 chili di artifici pirotecnici. 

IMPROVVISATO COMMERCIANTE - Grazie ad un’attenta attività informativa condotta principalmente su internet dai militari del I Gruppo Roma, monitorando alcuni annunci e a seguito di mirati appostamenti, i finanzieri sono risaliti all’improvvisato commerciante che, in assenza di qualsiasi autorizzazione, deteneva per la vendita l’ingente quantitativo di materiale pirico, di diverse tipologie e categorie (comprese delle potenti batterie).

NEGOZIO A FIANO ROMANO - Sempre nell'ambito dei medesimi controlli, in un negozio di Fiano Romano, il titolare è stato sorpreso con 85 chili di botti privi di marchio CE ovvero con il marchio CE palesemente contraffatto. I due uomini sono stati denunciati all'Autorità Giudiziaria con i "botti" sottoposti a sequestro penale per essere successivamente distrutti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torre Maura: vendeva "botti" illegali in un palazzo vicino all'ospedale, denunciato
RomaToday è in caricamento